Il disastro tragicomico di Parler



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-01-2021]

parler

È stato chiuso Parler, il social network in stile Twitter usato dai sostenitori di Donald Trump per organizzare l'insurrezione violenta al Campidoglio negli Stati Uniti il 6 gennaio scorso. Ma prima di chiudere ha regalato amare sorprese agli utenti che si sono fidati di questo servizio.

Un'informatica, nota come donk_enby, ha preso l'iniziativa di creare una copia di tutti i messaggi di Parler, pieni di dettagli incriminanti, sapendo che prima o poi gli utenti si sarebbero resi conto che quei messaggi erano prova dei loro reati e che Amazon, Apple e Google avrebbero presto chiuso Parler. È riuscita a copiare circa il 99% dei messaggi pubblicati, ossia 80 terabyte, compreso circa un milione di video.

donk_enby ha scoperto con meraviglia che Parler era un disastro di sicurezza informatica: non c'era autenticazione nella sua API pubblica, e quando un utente cancellava un messaggio, Parler in realtà si limitava a segnarlo come cancellato, senza eliminarlo realmente. Ogni post aveva un numero identificativo progressivo. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4093 voti)
Leggi i commenti (46)
Questi errori dilettanteschi hanno permesso all'informatica di lanciare uno script che ha raccattato praticamente tutti i dati pubblicamente accessibili e li ha messi a disposizione di giornalisti, ricercatori e forze dell'ordine.

Non è finita: Parler non toglieva la geolocalizzazione dalle immagini e dai video. Twitter, Google e altri siti lo fanno abitualmente per proteggere i propri utenti, ma Parler consegnava a chiunque i file video e le foto con tutti i loro metadati.

Morale della storia: chiedetevi sempre quali dati digitali state disseminando e soprattutto a chi li state affidando. Spesso chi si presenta come salvatore e difensore delle libertà è il primo che non le tutela.

Fonti: Ars Technica, Vice, Gizmodo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Certo che da dei complottisti convinti che metà del paese sia segretamente contro di loro ci si sarebbe aspettato un sistema un pochino più sicuro... mah! :roll:
23-1-2021 15:51

e se invece fosse stato creato appositamente per far cadere in un trappolone una massa di ........ ?
21-1-2021 20:44

{Ruzzolo}
Mah, rimettere su un servizio del genere non e' difficilissimo, sei poi decidi di hostarti da solo (come fanno twitter e facebook per esempio), nessuno puo' metterti giu'. Parler e' stato scritto da un imbecille vestito, e' talmente lineare che dai backup pubblici potresti ricreare l'intero db e ritornare... Leggi tutto
21-1-2021 16:32

Quelli che ci hanno lasciato la pelle la vedono diversamente Leggi tutto
21-1-2021 12:36

x {aldolo} Può anche essere che la sicurezza sia stata tenuta intenzionalmente al minimo. E' un buon modo di vendere i dati minimizzando il rischio di finire in galera. Un po' di "incompetenza" e di "incidenti" e i dati passano nelle mani giuste impunemente, perché sono stati "presi" e non "dati".
20-1-2021 22:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, quale oggetto è peggio smarrire?
Il portafoglio
Lo smartphone

Mostra i risultati (2459 voti)
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Tutti gli Arretrati


web metrics