Carte virtuali, boom dopo lockdown e Covid

Apprezzate in modo particolare comodità, sicurezza e rapidità di utilizzo garantite.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-02-2021]

qonto

Qonto, l'istituto di pagamento per PMI e professionisti, ha reso noti i dati relativi alle richieste di carte virtuali da parte dei propri clienti, in Italia, nell'ultimo trimestre (novembre 2020 - gennaio 2021): +99% rispetto al trimestre precedente.

Complice certamente l'emergenza epidemiologica ancora in corso, che ha favorito la ricerca di soluzioni bancarie e finanziarie 100% digitali, e iniziative come quelle messe in atto dal Governo - Cashback e Lotteria degli Scontrini - per incentivare la diffusione e l'utilizzo di app e strumenti digitali di pagamento, anche il comparto delle imprese e dei liberi professionisti sembra aver scoperto i vantaggi che una modalità di pagamento digitale può offrire.

Se un anno fa, tra novembre 2019 e gennaio 2020, il numero di carte virtuali ordinante dalle imprese e dai professionisti clienti di Qonto rappresentava solo l'8% del totale delle carte richieste, nell'ultimo trimestre - tra novembre 2020 e gennaio 2021 - le carte virtuali create rappresentano il 19% del totale.

In particolare, nell'ultimo trimestre sono state richieste il 99% in più di carte virtuali rispetto al trimestre precedente (agosto - ottobre 2020), confermando un trend di crescita partito già durante il trimestre del primo lockdown (marzo - maggio 2020) quando le richieste di emissione hanno segnato un +49% rispetto a quello precedente.

Imprenditori e professionisti hanno imparato a riconoscere i vantaggi innegabili di questo strumento, quali comodità, sicurezza e rapidità di utilizzo. La carta virtuale ha infatti le stesse caratteristiche di una carta fisica ed è altrettanto sicura: è collegata a un conto, ha un numero identificativo di 16 cifre, una data di scadenza e un CVV. In più ha il vantaggio di essere disponibile all'istante quando viene ordinata ed è impossibile perderla.

Marketing e servizi online al primo posto per transazioni

Da un'elaborazione dei dati estratti dal database di Qonto sui pagamenti effettuati tramite carte virtuali emergono tre principali voci di spesa. Al primo posto l'acquisto di servizi imputabili al comparto Marketing e altri servizi online; il 46% delle transazioni effettuate con carte virtuali è legato all'acquisto di campagne su Google e altre attività pubblicitarie digitali, nonché all'accesso a piattaforme online dedicate a webinar e conferenze. Le carte virtuali risultano quindi un metodo di pagamento particolarmente diffuso tra Marketing Manager e Acquisition Manager o, nel caso di imprese più piccole, dallo stesso imprenditore.

Al secondo posto, le transazioni destinate a utenze, strumenti informatici e attrezzature per l'ufficio: il 7% delle spese è rappresentato dal pagamento di bollette e dall'acquisto di hardware e software, a cura dell'Amministrazione, dell'Office Manager o in altri casi dell'imprenditore stesso.

Le spese per viaggi e trasporti rappresentano invece il 4% del totale. Anche se meno frequenti in questo momento di emergenza sanitaria, il personale dedicato alle vendite spesso deve compiere trasferte e sempre più predilige le carte virtuali per acquistare online biglietti aerei o ferroviari e gestire prenotazioni alberghiere.

Le carte virtuali vengono inoltre utilizzate come alternativa ai buoni pasto e, in particolare, per la consegna a domicilio da ristoranti e supermercati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Covid e banconote: 9 milioni non le useranno più per paura del contagio
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Falsi e frodi, così i truffatori guadagnano
Da Google una carta di debito per sfidare Apple Card
Scontanti e scontenti
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Come rubare 1300 carte di credito senza usare hardware
Contactless, cinque milioni di italiani non si fidano
La carta di credito col CVV che cambia di continuo
Diventare hacker con meno di 2 euro. Grazie alle offerte speciali del dark web
Scanner dell'iride sugli smartphone: scavalcabile anche a distanza
L'80% degli italiani decide gli acquisti via smartphone

Commenti all'articolo (2)

Però, per un misero cashback, sei disposto a passare sopra a tutta queste malversazioni e a questi disastri...
14-2-2021 16:27

{cosmin}
Appena finisce il cashback ritorno al contante. Le carte sono più comode, e in un mondo (mezzo) ideale sarebbero il massimo, ma in questo mondo sei stra-profilato da chiunque, paghi commissioni ad ogni transazione alzando i costi di ogni cosa mentre arricchisci un numero esiguo di già ricchissimi investitori nei CdA dei... Leggi tutto
10-2-2021 20:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5296 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 ottobre


web metrics