Un'automobile per spostarsi

Esiste l'automobile di fascia bassa, semplice, robusta, di poco prezzo e riparabile? No. Stavolta, se vogliamo tenere lo zio Bill fuori dalla nostra auto, ci dobbiamo impegnare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2004]

In questo articolo e in quest'altro abbiamo affrontato la crescente informatizzazione dell'automobile come strumento dei produttori per limitare la libertà dei consumatori, costretti a pagare prima per beni che non usano completamente, e poi a causa dell'inaccessibile manutenzione.

Dal punto di vista ambientale, questi moderni veicoli sono una continua incitazione al consumo. Esattamente come avviene per i PC, chi rimane indietro di qualche anno, ha la sensazione di essere obsoleto. Non solo, ma si ritrova fra le mani una macchina non affidabile, progettata per percorrenze molto più limitate rispetto a qualche anno fa.

La logica della sostituzione, già imperante a livello di scelta del veicolo, è forte anche nella sua manutenzione: la difficoltà di riparazione fa optare i meccanici per la sostituzione del pezzo, quindi ancora inquinamento, ancora rifiuti.

Tutto questo continuo, perenne attentato all'ambiente in cui viviamo, è avvenuto con la nostra complicità e condiscendenza; bene che andasse, non ce ne siamo accorti. Abbiamo accettato che la nostra mobilità non potesse prescindere dall'automobile, osservando indifferenti tutti gli altri sistemi di trasporto che si disfacevano tra mancati investimenti, siluramenti, perdita di efficienza. E ce ne ricordiamo solo in coda, dopo aver percorso mezzo kilometro in un'ora, meditando sul senso della vita.

Abbiamo fatto riempire le nostre vetture, dei semplici mezzi di trasporto, con ogni sorta di elettrodomestico, tanto che oggi, senza almeno 2500 cavalli, non si può affrontare neanche un cavalcavia.

Abbiamo accettato, senza batter ciglio, la benzina come combustibile principe, quando le più elementari regole di buonsenso la classificherebbero al massimo uno scarto di raffineria, per la sua pericolosità, infiammabilità, per problemi alla salute pubblica connessi allo stoccaggio ed alla distribuzione nelle migliaia di stazioni di servizio (sono nate anche mezze bufale).

Abbiamo anche pensato che non fosse abbastanza velenosa, quindi abbiamo consentito al suo arricchimento in benzene (altro scarto pericolosissimo: trenta milioni di tonnellate/anno che non saprebbero dove buttare), prendendo per buona la farsa della marmitta catalitica, come non sapessimo che funziona solo quando raggiunge i diciotto miliardi di gradi o se l'Inter vince lo scudetto.

Abbiamo lasciato che la tecnologia trascurasse di sviluppare cicli e combustibili puliti come il metano, il gpl, o vettori energetici come l'aria compressa, l'energia elettrica, l'idrogeno, per circolare nelle nostre inquinatissime città.

Ogni volta che siamo tornati dal concessionario, abbiamo bevuto la storia della sicurezza, del minore inquinamento, e abbiamo acconsentito a lasciare nelle sue mani rate sempre più elevate, senza che la nostra vita migliorasse di una virgola. Salvo poi imbufalire di fronte a conti di 300 euro per una lampadina ("Sa, bisogna cambiare tutto il blocco fanale") o per un vetro bloccato ("Abbiamo sostituito la centralina").

Nel caso dei telefonini, la via di uscita da questa schiavitù è la fascia bassa. Purtroppo, per l'auto non c'è, al momento, niente da fare. La libertà di scelta dei consumatori, in questo settore, se ne è andata a ramengo, senza che nessuno se ne accorgesse. La lunga mano del mercato si è atrofizzata, e le vetture di fascia bassa sono complicate come le altre. Ma sono di qualità peggiore.

Chi pensa che questo sia l'aspetto più grave della faccenda, si tenga forte, che non è finita: l'automobile sembra sempre più essere la nuova frontiera di espansione della Microsoft.

Sì, proprio loro, quelli di Windows XP e delle pezze infinite, delle falle di sicurezza e dei worms. Dopo il Consumer Electronics Show di Las Vegas è assodato che uno degli obiettivi della "seamless computing" di Microsoft è fare del suo Windows Ce lo standard di controllo delle nostre vetture.

Windows CE è un sistema che si interfaccerà con la strumentazione di bordo, interagirà con noi anche attraverso comandi vocali. Da lì, avanti senza limiti, con le auto come client di una rete estesa sulla strada. Mentre viaggiamo, potremo svolgere, in modalità wireless, le normali attività di comunicazione Web, via e-mail, oppure giocare a solitario o a campo minato.

E se si pianta il sistema? Niente paura: i modelli più costosi della gamma avranno a disposizione i tasti alt-ctrl-del sul volante, al posto del clacson. Altrimenti, la soluzione migliore è spegnere il motore, uscire tutti dall'auto, chiudere le portiere, poi risalire e riavviare.

Stando a quanto affermano gli uomini di Gates, il sistema sarà adottato da 23 modelli di automobili prodotti da costruttori come Bmw, Citroën, Clarion, DaimlerChrysler, Subaru, Honda, Hyundai, Mitsubishi, NexTech, Toyota e Volvo. E non manca la nostra Fiat. Prendiamo nota, dunque, per le nostre future campagne di boicottaggio, anche se non sono molti i produttori che restano fuori. A proposito: a forza di accorpamenti, acquisizioni, fusioni, scambi di azioni, non credete anche voi che stiano diventando troppo pochi?

Malgrado tutto, io sono ottimista. Penso che chi vuole un'auto smart ed hi-tech, abbia tutto il diritto di averla, ma ci deve essere anche una vettura per chi, come me, la usa solo per spostarsi. Penso che si possano rispettare le leggi in termini di inquinamento, anche utilizzando combustibili migliori di quelli tradizionali. Penso che ci sia spazio per un gruppo di pressione verso i produttori, per inserire nel mercato automobili realmente di fascia bassa, che rispondano contemporaneamente ai quattro requisiti, semplice, robusta, di poco prezzo e riparabile. So che non ci vorrà poco, ma sbrighiamoci: la mia vecchia auto (1998) non so ancora quanto durerà.

Consigli, proposte, commenti nel form qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 33)

L'idea Ŕ bella e interessante, ma non so quanto potrÓ attecchire in una societÓ dove si acquista una macchina solo per il marchio o per le prestazioni, ignorando totalmente requisiti come il consumo (basti pensare che il motore diesel, una volta esempio di lentezza e di bassi consumi, oggi viene spremuto come un limone, con il risultato... Leggi tutto
28-12-2006 13:43

Era ora che qualcuno ci provasse davvero, anche se magari il passo e' piu' lungo della gamba. Mi spiego: prima di partire con l'automobile , era meglio avere il motore, il telaio, il cambio etc gia' opensource, no? O forse e' meglio cosi', un obbiettivo ambizioso puo' dare piu' "carica". Il progetto e' fattibile, bisogna... Leggi tutto
28-12-2006 11:49

L'open source contagia anche il mondo delle automobili... Leggi tutto
28-12-2006 10:28

RsX
W la old School!! Leggi tutto
5-7-2005 19:41

andrea
bell'articolo Leggi tutto
16-9-2004 00:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di pi¨. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non pu˛ fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (4043 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 gennaio


web metrics