Vivaldi 4 integra email, feed RSS, calendario e traduttore

Con un particolare occhio di riguardo per la privacy.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2021]

vivaldi 4

Nato come "erede spirituale" di Opera, il browser Vivaldi si è nel tempo guadagnato un seguito piuttosto fedele di utenti, attratti dalla ricchezza delle funzioni e delle possibilità di personalizzazione.

Con il debutto della versione 4.0, Vivaldi espande ancora la propria offerta di strumenti utili, aggiungendo un traduttore, un programma di posta elettronica, un calendario e un lettore di feed RSS.

Il traduttore, chiamato semplicemente Vivaldi Translate, si appoggia alla piattaforma LingvaNext e si propone come un servizio attento alla privacy: nulla di quanto gli viene sottoposto, infatti, passa per le mani di giganti della tecnologia come Google o Microsoft.

Si attiva tramite un'icona posta sulla destra della barra degli indirizzi e il funzionamento è intuitivo: si scelgono le lingue di partenza e di arrivo e si può indicare se attivare sempre (o mai) la traduzione automatica per certi siti.

Se Vivaldi Translate è disponibile sia nella versione desktop che in quella per Android, le altre funzionalità sono limitate all'edizione per PC.

Il client e-mail, per ora in beta, offre oltre alle funzionalità di base la capacità di rilevare in automatico le conversazioni e una funzione che consente di suddividere i messaggi in categorie.

Vivaldi Calendar svolge il suo ruolo di agenda offrendo un Event Editor per scrivere gli appuntamenti e un sistema di comandi rapidi; è in grado di sincronizzarsi con diversi servizi di calendario accessibili via web, ma si può anche scegliere di tenere la propria agenda completamente privata, senza accesso online.

Infine, il Feed Reader fa esattamente ciò che promette: consente di iscriversi ai vari servizi di feed RSS o Atom direttamente dalla barra degli indirizzi: se un sito mette a disposizione un feed, un'icona lo indica e può essere cliccata per aggiungere i contenuti alla lista delle sottoscrizioni. Il servizio, inoltre, supporta anche l'iscrizione ai podcast e ai canali YouTube.

Vivaldi 4.0 è già disponibile gratuitamente in versione per Windows, Linux, macOS e Android. Chi ne è già utente può effettuare l'aggiornamento direttamente dal browser.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Chrome per Android avrà il suo lettore di RSS
Internet Explorer, finalmente c'è la data di morte
Flash addio, ma arriva l'emulatore
Chrome ha un lettore di Pdf segreto: ecco come attivarlo
Vivaldi si aggiorna e guadagna un videogioco in stile anni '80
Il museo delle skin di Winamp
Vivaldi 3.3 mette in pausa Internet
Chrome, fino a due ore di batteria in più
Vivaldi, l'erede di Opera, sbarca su Android
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Rilasciato Vivaldi 2.0, l'erede spirituale di Opera
Il browser che controlla le lampadine

Commenti all'articolo (4)

Mi sembra un browser dalle ottime funzionalità. Lo sto provando da ieri, dopo che Firefox ha cominciato a darmi seri problemi con l'ultimo aggiornamento. :roll: All'inizio ero dubbiosa, ma Vivaldi usa le stesse estensioni di Chrome, mi permette lo streaming su Amazon (cosa che, almeno fino a poco tempo fa, non era possibile con certi... Leggi tutto
21-6-2021 16:33

Non li passeranno ai giganti, NON significa pero' che i dati NON vengano passati ad altri o usati da loro stessi. PS: comunque si scrive LingvaNex (senza 'T') PS2: un'azienda che si occupa di traduzioni, ha un sito in sola lingua inglese. Non mi sembra una buona "vetrina" . Leggi tutto
16-6-2021 17:27

@sara: qui Vivaldi chiarisce come guadagnano i soldi :ciao:
13-6-2021 20:13

{sara}
Sinceramente ho forti(ssimi) dubbi sulle dichiarazioni di privacy di chiunque accentri in un solo 'spazio' molte funzioni tutte privacy-sensitive. I server costano, la banda costa, lo sviluppo costa, la manutenzione costa. Ed è tutto gratuito per gli utenti. Sarà. P.S. Si, le info non passano da Google o da Bing,... Leggi tutto
12-6-2021 00:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2672 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 settembre