Office in pericolo per una falla emersa dal passato

Come vent'anni fa, la minaccia viene dai controlli ActiveX. E la patch ancora non c'è.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-09-2021]

office falla mshtml

Una falla in Microsoft Office sta mettendo in pericolo gli utenti della suite, esponendoli a un tipo di attacco che pareva ormai appartenere al passato.

La vulnerabilità, identificata dal numero CVE-2021-40444 e scoperta da Expmon, si trova in MSHTML, il motore di rendering usato dal vecchio Internet Explorer ma anche da Office, e colpisce tutte le versioni di Windows dalla 7 alla 10 e tutte le versioni di Windows Server dalla 2008 alla 2019.

Se sfruttata correttamente porta all'esecuzione di codice arbitrario sul computer preso di mira; per farlo, un hacker deve sfruttare un controllo ActiveX appositamente creato, proprio come si faceva una ventina d'anni fa, e integrarlo in un documento, che poi l'utente deve aprire.

«Un malintenzionato può creare un controllo ActiveX affinché sia usato da un documento Microsoft Office che adopera il motore di rendering del browser. Dovrà quindi convincere l'utente ad aprire quel documento» - spiega Microsoft - affinché il controllo possa essere eseguito.

La buona riuscita dell'attacco richiede quindi la collaborazione dell'utente, il quale dovrebbe ben sapere di non aprire documenti giunti da sconosciuti o inattesi, e in generale dovrebbe stare sempre sul chi vive quando si tratta di scaricare documenti da Internet, quand'anche fossero giunti attraverso la posta elettronica.

Il successo che questo attacco sta ottenendo, però, dimostra che imbrogliare gli utenti non è tanto difficile: le tecniche di social engineering adoperate per convincere ad aprire i documenti pericolosi, stando alle segnalazioni, si stanno rivelando efficaci.

D'altra parte, Office stesso offre qualche misura di protezione. Nella configurazione predefinita, la suite apre ogni documento giunto da Internet in Modalità Protetta: le modifiche non sono abilitate e i componenti come i controlli ActiveX sono disattivati.

Poiché però al momento non esiste una patch, e dato che ogni utente può disattivare la Modalità Protetta applicata ai documenti tramite un semplice e ben visibile pulsante giallo, ora più che mai quando si riceve un file nel formato di una delle applicazioni di Office è bene stare particolarmente attenti e, nel dubbio, evitare di aprirlo, sottoponendolo prima a una scansione antivirus.

Windows Defender è già stato aggiornato per riconoscere la minaccia, e lo stesso è successo a Defender for Endpoint.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Internet Explorer 7, arriva la beta3
Dilaga il virus KamaSutra
Windows europeo senza Media Player, bonus per la sicurezza

Commenti all'articolo (1)

E verificare anche con il mittente se e cosa ha inviato e se si tratta di un file predisposto da lui o scaricato o inoltrato da altre fonti. In ogni caso questa dovrebbe essere la precauzione minima da adottare in ogni caso, o meglio ancora cancellare tutte le mail che contengono allegati di questo tipo ameno che non si sia... Leggi tutto
11-9-2021 14:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6121 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics