Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile

Se il PC non raggiunge i requisiti minimi l'installazione non si blocca, ma l'utente sappia che procede a proprio rischio e pericolo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-09-2021]

windows 11 requisiti

C'è un po' di schizofrenia da parte di Microsoft nel decidere su quali computer possa effettivamente girare Windows 11.

All'inizio le cose parevano chiare, seppure un po' drastiche: Windows 11 - si diceva - si installerà soltanto su quei computer che rispettano i requisiti minimi, come un certo tipo di processore e la presenza del modulo TPM.

Se su quest'ultimo a Redmond non sembrano intenzionati a fare marcia indietro, per quanto riguarda i requisiti minimi il panorama è invece un po' cambiato.

The Verge racconta infatti che la beta più recente di Windows 11, quando si tenta l'installazione su hardware non ufficialmente supportato, non si oppone al completamento dell'operazione, come si poteva credere sinora; invece, si limita a presentare una schermata di avvertimento, accettando la quale si può procedere.

In essa Windows informa l'utente che il PC non rispetta i requisiti minimi, che ciò può essere causa di malfunzionamenti e che, pertanto, ogni disagio non potrà essere coperto dalla garanzia, né Microsoft o il produttore potranno fornire alcun tipo di supporto, poiché l'utente sta scientemente facendo qualcosa di sconsigliabile.

Se, in barba all'avvertimento, si preme il pulsante Accetto, l'installazione procede liscia e alla fine si ottiene un sistema Windows 11 funzionante, almeno finché - in teoria - non succederà qualcosa di potenzialmente catastrofico.

Ciò che stupisce della decisione di Microsoft di non bloccare l'installazione di Windows 11 su hardware incompatibile è il fatto che, dopo aver sottolineato con forza come soltanto certi PC possano eseguire il nuovo sistema operativo e che ogni tentativo su hardware non supportato possa portare anche a delle schermate blu, una finestra di avvertimento sia considerata sufficiente per scoraggiare l'utente dal procedere.

Microsoft non può non sapere che presto il mondo pullulerà di PC ufficialmente incompatibili con Windows 11 sui quali però il sistema sarà stato installato ugualmente: si tratterà di macchine possedute da utenti che, alla prima schermata blu, proferiranno una serie di improperi all'indirizzo di Microsoft, la quale però potrà tranquillamente limitarsi a rispondere «Te l'avevo detto».

Come ciò possa contribuire a far percepire Windows come un sistema operativo stabile e sicuro (e, soprattutto, a renderlo tale per davvero) resta un mistero.

waiver windows 11

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 11 senza TPM? Basta una modifica al registro
Windows 11 non avrà più le Schermate Blu della Morte
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Il problema è che W10 sarà supportato ancora per pochi anni. Di sicuro, se si compra un pc nuovo meglio prenderlo con W11. Dunque occhio ai rimasugli di magazzino. Leggi tutto
10-10-2021 10:54

Nel tuo paese delle meraviglie, forse. Leggi tutto
10-10-2021 10:50

Per W11 non ho elementi per giudicare ma W10 ho provato ad installarlo un paio di volte sulla mia macchina - l'ultima ad inizio 2021 - e posso dire che fra rallentamenti e problemi di vari natura proprio non ne voleva sapere di andare.
10-10-2021 10:40

veramente windows 10 e ora l'11 sono più leggeri di W7. a partità di HW girano più veloci e con meno risorse.
8-10-2021 09:09

Figurati, io ho ancora Seven e, sostanzialmente, non ho problemi... oltre a non aver dovuto spendere soldi in un PC nuovo ogni 3/4 anni. Leggi tutto
2-10-2021 15:49

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c'è una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (911 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 luglio


web metrics