Photoshop e Illustrator sbarcano nel web

Chiunque può commentare i file direttamente dal browser, e gli iscritti a Creative Cloud possono anche apportare modifiche.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2021]

Photoshop web
La web app di Photoshop

In occasione dell'evento Max 2021, Adobe ha annunciato delle novità interessanti sia per chi lavora con Photoshop e Illustrator sia per i loro clienti.

L'azienda ha infatti lanciato le applicazioni web di entrambi i software, alle quali si può accedere direttamente dal browser.

In questo modo, chi usa Illustrator o Photoshop può mostrare i progressi del proprio lavoro ai clienti semplicemente condividendo con loro un url: cliccandovi sopra, i clienti saranno portati alla relativa applicazione web di Adobe, tramite la quale potranno visualizzare i singoli livelli delle immagini e aggiungere commenti (che appariranno immediatamente anche nelle applicazioni desktop), senza bisogno di avere a disposizione il software originale o sottoscrivere un abbonamento.

I titolari di un account Creative Cloud potranno fare anche di più. A loro sarà infatti consentito effettuare anche delle modifiche sui file condivisi tramite l'applicazione web, anche se ovviamente non tutti gli strumenti presenti in Photoshop e Illustrator saranno a disposizione: ci si dovrà limitare a piccole modifiche.

Le web app di Illustrator e Photoshop non sono ancora complete, ma diverse funzioni al momento mancanti debutteranno nelle prossime settimana: per ora Photoshop è accessibile in versione beta pubblica (ma, come abbiamo detto, per modificare i file occorre un account Creative Cloud), mentre Illustrator è ancora nella fase di beta privata, per accedere alla quale occorre fare richiesta.

«Non tutte le funzionalità sono disponibili sin da primo giorno» - ha spiegato Scott Belsky, Chief Product Officer di Adobe - «ma vogliamo abilitare tutte le opzioni per le modifiche di base».

Sempre Belsky ha commentato il debuto delle web app parlando di un «livello leggero di editing» che tuttavia consente di modificare «dei veri file PSD» con strumenti nativi, senza uscire dall'ecosistema di Adobe.

Illustrator web
La web app di Illustrator

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La bufala dell’app che toglie gli sticker che coprono le foto dei bambini
Restauro fotografico con l'intelligenza artificiale
Photoshop e Intelligenza Artificiale riportano in vita gli imperatori romani
Adobe, un aggiornamento cancella tutte le foto da Lightroom
L'app per incollare gli oggetti reali in Photoshop
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
L'intelligenza artificiale che capisce se una foto è stata manipolata
Photoshop riconosce i soggetti delle foto, grazie all'intelligenza artificiale
Mascherare volti, targhe e altri dettagli nelle foto senza installare nulla
Adobe, arriva il popup per i software piratati
Le foto di Cindy Crawford senza ritocco

Commenti all'articolo (3)

{zilone}
@Gladiator sono d'accordo, ma è anche vero che gli utenti non vedono più in là del loro naso e del loro interesse immediato. Per questo i pescecani hanno gioco facile.
31-10-2021 12:03

La trasformazione degli utenti da acquirenti di licenze SW ad abbonati paganti sta procedendo a gonfie vele... con previsioni di incrementi degli introiti di questi pescecani sempre maggiori. Poi, in questo caso, gli danno il contentino di poter condividere l'avanzamento del lavoro con il committente in real time... vabbeh.
31-10-2021 11:00

{giovine}
Quello che mi chiedo è se i lemming si rendono conto che per avere piccoli vantaggi diventano sempre più succubi degli incumbent del settore, come Adobe, e si legano mani e piedi alle sorti che gli stessi hanno in serbo per loro. In più, con rischio di perdita dei dati, di hackeraggi tutt'altro che improbabili,... Leggi tutto
29-10-2021 17:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversità: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra può portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccità e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'acidità dei mari.

Mostra i risultati (1814 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics