Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-12-2021]

Apple airtag furti auto

Gli AirTag di Apple - le etichette elettroniche che permettono di ritrovare rapidamente gli oggetti a cui sono apposte - sin dalla loro apparizione hanno portato a immaginare usi meno ortodossi di quelli inizialmente ipotizzati dal gigante di Cupertino.

Di recente, in Canada è apparso un nuovo uso degli AirTag, ideato nientemeno che da i ladri d'auto di Toronto (distretto di York), categoria che in effetti, per portare avanti la propria, discutibile attività, deve senz'altro essere dotata di una buona dose di creatività.

Stando a quanto riporta la polizia, gli AirTag vengono utilizzati dopo aver individuato un possibile bersaglio (generalmente un veicolo costoso) al fine di poterlo seguire a distanza.

L'etichetta viene infatti apposta all'auto, quando questa è parcheggiata in un'area pubblica, in una posizione poco visibile - sul gancio di traino, o all'interno dello sportello che copre il tappo del serbatoio - e poi il ladro, con tutta calma, ne segue gli spostamenti dal proprio iPhone, anche finché il proprietario non torna a casa; poi, al momento più opportuno, ruberà il veicolo e recupererà l'AirTag.

Occorre dire che Apple ha previsto un modo per ridurre al minimo le possibilità che accada qualcosa del genere: ogni iPhone, se rileva per un certo tempo nelle proprie vicinanze un AirTag a cui non è associato, avvisa l'utente della presenza del dispositivo.

Apple sa bene, infatti, che gli AirTag potrebbero essere adoperati per pratiche quantomeno discutibili, dallo stalking fino - per l'appunto - al furto.

C'è però un problema. Per quanto al quartiere generale di Cupertino ciò possa apparire scioccante, non tutti possiedono un iPhone. E così la misura preventiva ideata da Apple non è sempre efficace.

I ladri di Toronto possono quindi continuare a tentare la sorte con gli AirTag nella speranza che il proprietario dell'auto che intendono rubare non sia un utente Apple: secondo i dati della polizia, il sistema è stato usato almeno cinque volte negli ultimi due mesi e - come spiegano gli investigatori - c'è la seria possibilità che il problema non faccia altro che ingigantirsi in futuro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{utente anonimo}
Non serve, tracciano già il telefono. O usano quegli antifurti satellitari che l'assicurazione ti fa installare O la classica cimice
15-12-2021 12:22

{progress}
E di sicuro degli airtag, appositamente modificati, possono essere usati dalla polizia. o da qualcuno della polizia (o in futuro da chiunque abbia una specifica base tecnica), per seguire il "sospettato" senza che l'app di Apple rilevi alcunché di anomalo.
14-12-2021 19:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerÓ sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Pu˛ certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben pi¨ seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (4040 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 agosto


web metrics