Criminalizzare il file-sharing

Il Ministro Urbani vuole far approvare un decreto che criminalizza, sull'esempio degli Usa, il file-sharing. Ma diserta il Consiglio dei Ministri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-03-2004]

Giuliano Urbani è il Ministro della Cultura, intendendo con questa dizione i beni culturali, la promozione del cinema, della musica, dello spettacolo in Italia. Si è sempre definito un liberale e un teorico del liberalismo, poiché di mestiere fa l'insegnante di scienza della politica.

Non molto liberale è invece il suo decreto legge contro il file-sharing, che scimmiotta parecchio la legislazione Usa che, su istigazione delle grandi major musicali e cinematografiche, legittima una vera e propria crociata contro il file-sharing.

Urbani sembra tenerci tanto al punto da disertare, per protesta, il Consiglio dei Ministri, che il 5 Marzo doveva discutere ed approvare il decreto, che come è noto una misura che dovrebbe essere assunta in casi gravi ed urgenti, perché scavalca le decisioni del Parlamento che, comunque, sarà libero di far cadere o approvare definitivamente il decreto e se lo ritiene opportuno modificarlo.

Secondo il decreto Urbani gli Internet provider hanno l'obbligo di monitorare e impedire le attività illecite di scambio di file creando appositi filtri. Entro il 31 Dicembre 2004 un decreto interministeriale dovrebbe definire i filtri e che requisiti tecnologici devono possedere.

L'Internet Provider che omettesse questo tipo di controlli verrebbe punito con sanzioni fino a 250 mila euro, e un singolo privato può essere accusato di favoreggiamento se linka o segnala dal proprio sito un indirizzo da cui acquistare prodotti di pirateria.

Chi scambia illecitamente musica o video, attraverso programmi P2P può essere punito con sanzioni fino a 500 euro. Infine, cosa ancora più grave, il decreto anti P2P metterebbe in discussione la norma, appena approvata dal Parlamento, che fissa in 24 mesi il tempo obbligatorio di conservazione dei dati di traffico Internet, che verrebbero aumentati da Urbani a 30 mesi per il controllo dello scambio dei file.

Inoltre, secondo lo stesso decreto L'Authority delle Comunicazioni dovrebbe verificare le segnalazioni, provenienti dalle polizie postali di altri Paesi, di scambi illeciti effettuati dall'estero per comminare, anche in questo caso, eventuali sanzioni.

Vedremo se il Governo oserà approvare integralmente questa decreto anche se la questione non è limitata solo all'ambito nazionale: anche il Parlamento Europeo deve discutere una direttiva in proposito e anche a questo livello si assiste a forti pressioni da parte delle grandi majors perché si inasprisca la repressione contro il file-sharing.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 44)

gaia
indagini guardia di finanza Leggi tutto
6-8-2004 15:42

Lingua di Suocera
Tutta una serie di motivi per detestarlo Leggi tutto
11-5-2004 21:37

susywrong
un suggerimento Leggi tutto
1-4-2004 00:34

Danilo
Viva l'Italia Leggi tutto
30-3-2004 18:37

Luidi Bazzani
Provvedimento illiberale Leggi tutto
25-3-2004 12:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la pi grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si l da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (955 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics