Italiani e identità digitale, già attivi 30 milioni di SPID

Soddisfatto il Ministro Colao, anche per i 28 milioni di CIE attivati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-05-2022]

spid 30 milioni

Ha di che festeggiare il Ministro per l'Innovazione Vittorio Colao, stando ai dati ufficiali sull'adozione e l'utilizzo delle identità digitali in Italia.

Attualmente, infatti, sono già attive ben 30 milioni di identità gestite tramite lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e, di queste, ben 10 milioni sono state create negli ultimi 12 mesi.

Per quanto riguarda l'uso, nel 2021 sono stati registrati 500 milioni di accessi, ma il ritmo sta accelerando: i primi quattro mesi di quest'anno hanno fatto registrare già 330 milioni di accessi.

Ai dati relativi allo SPID bisogna poi sommare quelli relativi alla Carta di Identità Elettronica (CIE): i cittadini che già ne possiedono una sono 28 milioni.

«Abbiamo raggiunto in anticipo l'obiettivo annuale di diffusione dell'identità digitale previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (pari al 38% della popolazione)» - racconta soddisfatto il Ministro - «e ci avviciniamo sempre di più all'obiettivo del 2023 (il 46% della popolazione)».

Per giustizia occorre dire che, in molti casi, gli italiani non hanno esattamente scelto di dotarsi di SPID o CIE, ma sono stati in buona sostanza obbligati: quando l'accesso ai servizi online della pubblica amministrazione (peraltro unica modalità disponibile durante la pandemia) richiede di possedere l'uno o l'altra, è facile vedere il numero di attivazioni crescere rapidamente. Non significa che tutti ne siano soddisfatti.

Qualche problema si rileva soprattutto negli utenti più anziani ma comunque abituati a usare il computer, che da qualche tempo in qua per esempio non possono più usare la vecchia autenticazione tramite PIN per accedere al sito dell'INPS ma devono appoggiarsi, per l'appunto, a SPID, CIE o Carta Nazionale dei Servizi.

A seconda della soluzione scelta diventa necessario o dotarsi di un lettore di tessere USB da collegare al PC (e verificare che sia recente nel caso di una nuova CIE, poiché i lettori più vecchi non supportano gli ultimi standard utilizzata dalla Carta) o destreggiarsi con l'autenticazione a due fattori passando da PC a smartphone o tablet con una certa rapidità, pena l'esaurimento del tempo per inserire i codici (con conseguente necessità di ricominciare da capo).

Colao può dunque festeggiare la rapidità con cui le soluzioni digitali si vanno diffondendo e che offrono dei benefici oggettivi, anche solo grazie al fatto che evitano di doversi recare di persona negli uffici pubblici per sbrigare molte pratiche, ma forse l'entusiasmo degli italiani per lo SPID e la CIE è più che altro una conseguenza delle esigenze di questi ultimi anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'identità digitale? Nel dark web vale meno di un iPhone X
TIM id, l'identità digitale universale

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 27)

Su questo concordo in pieno, fortunatamente non sono tutti così ma, purtroppo, ce ne sono però lo strumento non c'entra assolutamente nulla. Peraltro io lo uso da almeno un paio d'anni e per gli usi che ne faccio non ho mai incontrato ne problemi ne particolari complessità. Leggi tutto
14-5-2022 19:01

Beh, in questo caso mi sembra un atteggiamento poco professionale o determinato da poca voglia di aiutarti, per no dir di peggio, da parte del piantone. A me quando hanno rubato la patente - peraltro assieme alla carta d'identità quindi ero un perfetto sconosciuto inesistente - nessun carabiniere mi ha fatto ostruzionismo, in qualche... Leggi tutto
14-5-2022 18:55

Io non difendo questa tecnologia, la sto solo accettando perché non ho avuto alternative e cerco di vederne almeno i lati positivi. Ti lamenti di non poterla usare anche se ti dico che non sei tenuto a farlo, dunque problema tuo. CIE e CNS farebbero altrettanto, e allora? Anche l'impiegato allo sportello. In ultimo: ti stai lamentando?... Leggi tutto
12-5-2022 14:21

Che in altri termini si traduce in «lo prendi in saccoccia». Motivo per cui mi sto lamentando. Leggi tutto
12-5-2022 09:43

Il delegante deve solo farselo attivare la prima volta, per le successive si fa tutto a suo nome. Bisogna avere un po' di senso pratico per far fronte ai paradossi da lasciapassare A38 della burocrazia. Leggi tutto
11-5-2022 13:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2934 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics