Contro lo spam, una tassa per l'email

E' terribile: esiste un mezzo di comunicazione, nel pianeta, non tassato, non controllato e tecnicamente non controllabile dai governi. Che fare? Risponde Microsoft.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-03-2004]

Uno scandalo del genere non si verificava da almeno tremila anni, quando fu inventato l'alfabeto. Oggi si chiama posta elettronica, e l'allarme che suscita e' almeno eguale a quello di Assurbanipal quando gli riferirono che la gente comune, con quell'invenzione fenicia, poteva scambiarsi idee senza che lui ne sapesse niente.

Assurbanipal non era un tipo particolarmente socievole ne' aveva, come politico, problemi di consenso: immagino quindi che le sue contromisure non siano state particolarmente sofisticate (impalare i maestri di scuola, o qualcosa del genere).

Oggigiorno, con la democrazia, non possiamo senz'altro imporre alla gente di non mandarsi lettere, o anche posta elettronica, per non far dormire male il governo.

Per farlo abbiamo bisogno di un pretesto: siccome per posta elettronica viaggia un sacco di spam - ecco il pretesto - allora per la tranquillita' dei cittadini mettiamo sotto controllo le mail cosi', fra le altre cose, lo spam e' piu' difficile e ognuno puo' leggersi la sua posta elettronica (supercontrollata) in santa pace.

Il governo reale, nell'internet, non e' costituito dai "governi" territoriali ma dall'insieme delle corporation che operano (in parte parassitariamente) nella rete. Di esse, la principale e' Microsoft. Che e' responsabile dello spamming almeno sotto due profili: come Microsoft, per l'insicurezza intrinseca del suo sistema operativo, che rende difficilissimo agli utenti difendersi da intrusioni indesiderate; e come parte del sistema commerciale delle corporation, che e' in buona parte basato sullo spamming, cioe' sull'imposizione forzata di un messaggio indesiderato.

I megacartelloni nelle citta', gli sms pubblicitari, gli spot dentro i capolavori sono tutte forme di spam. E anche nell'internet, il novanta per cento dello spam non viene da matti isolati, ma da serie societa' commerciali, regolarmente operanti e riconosciute. Aziende serissime come Yahoo, pochi mesi fa, hanno dovuto togliere dai propri portali dei link a dialers che fino a quel momento erano rimasti liberi di intrappolare i lettori.

Il governo reale di solito non emette decreti-legge (sull'internet peraltro impossibili da applicare) ma si limita a modificare a proprio vantaggio, e a svantaggio degli utenti, le condizioni tecniche che reggono il funzionamento del sistema.

L'idea di Microsoft, pertanto, non e' di limitare le e-mail per legge, ma semplicemente di tassarle. Cosi', pur formalmente libero, il Web finirebbe sotto il controllo dei provider a monte, che a loro volta sarebbero del tutto inermi alle pressioni delle corporation (Microsoft in testa) che ne monopolizzano le tecnologie.

Questo monopolio, sul piano strettamente tecnologico, avrebbe ormai le ore contate (GNU/Linux cresce sempre di piu', rispetto a Windows, nella rete); con un meccanismo del genere avrebbe un potente aiuto "politico" che gli consentirebbe di sopravvivere come puro sistema di potere avulso dalle leggi di mercato, e dunque di introdurre un collo di bottiglia dalle conseguenze incalcolabili nel cuore della tecnologia occidentale.

Microsoft, fisicamente, e' americana. E' un paradosso grazioso che l'uso di una tassazione arbitraria come strumento di governo venga proprio dall'America, alla fine di un ciclo. La civilta' americana era nata infatti - e s'era resa indipendente dalla societa' madre - proprio dalla ribellione a un atto di tassazione arbitraria, con cui l'allora monopolistico establishment inglese aveva cercato di riportare sotto controllo un mercato che gli sfuggiva. Da quella ribellione nacquero il Parlamento Continentale, la Dichiarazione di Jefferson e infine gli Stati Uniti. Il ciclo e' durato circa duecentotrenta anni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Usare RSS (funziona anche su altri sistemi) Leggi tutto
17-3-2004 09:17

tassa? Leggi tutto
16-3-2004 13:51

Alessandro Pani
Gesù.... Leggi tutto
15-3-2004 10:06

luca
@mail Leggi tutto
14-3-2004 12:40

mbo
Riccardooooooooooooooooo Leggi tutto
14-3-2004 04:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Recenti scoperte genetiche affermano che l'invecchiamento è controllabile e quindi potremo vivere tutti più a lungo. Cosa ne pensi?
E' una grande scoperta, sono contento di vivere più a lungo.
L'importante è poter vivere bene e in salute.
Trovo che la genetica si stia spingendo oltre i limiti umani.
Significa che dovremo tutti lavorare più a lungo e andare in pensione più tardi.
Questo contribuirà al sovraffollamento del pianeta.

Mostra i risultati (5572 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics