Facebook e Instagram, arriva la verifica dell'identità a pagamento

Proprio come su Twitter.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2023]

meta facebook instagram verifica pagamento

Twitter non è l'unico social network a spingere sull'acceleratore della monetizzazione: anche Meta - il gruppo che controlla Facebook e Instagram - ha deciso di muoversi nello stesso senso, e proprio imitando ciò che ha fatto la piattaforma di Elon Musk qualche tempo fa.

Twitter, infatti, dispone del livello di abbonamento Twitter Blue che, in cambio di una quota mensile, consente di esporre vicino al proprio nome utente un segno di spunta blu con il quale si intende segnalare che l'identità dell'utente è stata verificata.

Lo stesso sta per accadere su Facebook e Instagram; pur offrendo già un modo per verificare la propria identità ed esporre così il contrassegno, nelle prossime settimane debutterà gradualmente un livello a pagamento per fare la stessa cosa e ottenere qualche altro vantaggio.

Nel dettaglio, oltre al contrassegno, il servizio Meta Verified consente - nelle parole di Mark Zuckerberg - «maggiore protezione dai furti di identità» poiché gli account sono continuamente controllati, «aiuto quando necessario» tramite la possibilità di interagire direttamente con il personale di Meta, «maggiore visibilità» nella ricerca e nei commenti e infine «funzionalità esclusive».

Il lancio del servizio avverrà nei prossimi giorni in Australia e Nuova Zelanda, per poi muoversi gradualmente nel resto del mondo. I prezzi vanno dai 19,99 dollari australiani/23,99 dollari neozelandesi (quasi 13 euro in un caso circa 14 euro nell'altro al cambio attuale) necessari per attivare Meta Verified nel web ai 24,99 dollari australiani/29,99 dollari neozelandesi (circa 16 euro/quasi 18 euro) richiesti per iOS e Android.

Per accedere a Meta Verified non sarà però sufficiente pagare: bisognerà anche aver compiuto 18 anni, inviare un documento di identità, e superare il controllo che Facebook e Instagram condurranno sui contenuti pubblicati fino a quel momento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, accesso ai minori

Commenti all'articolo (3)

Peccato per lui... :lol:
27-2-2023 18:24

Credo che c'entri anche il fallimento del Metaverso, che non ha permesso allo Zukkone di dire che il tutto era in un mondo virtuale e come tale non poteva essere tassato dal fisco yankee... :roll:
25-2-2023 19:37

Francamente mi sembra una complicazione per gli onesti e un'occasione in pi¨ per i disonesti dal momento che poi avremo molti disonesti "verificati". In sostanza trovano la scusa della sicurezza per monetizzare di pi¨, evidentemente gli incassi dovuti alla mercificazione dei dati personali non bastano pi¨. :twisted:
25-2-2023 14:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontÓ" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiositÓ di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverÓ a credere e con che velocitÓ si propagherÓ
Dalla volontÓ di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2354 voti)
Giugno 2023
Rarbg, inizia l'attacco dei cloni
Giove, la “precrimine” in salsa italiana
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 giugno


web metrics