Pubblicità su Prime Video, ora c'è la data



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-12-2023]

amazon prime video pubblicita

L'era dei servizi in streaming privi di pubblicità sta proprio volgendo al termine: come annunciato lo scorso settembre, anche Amazon Prime Video inizierà a mostrare annunci pubblicitari a partire dal prossimo anno.

La data ufficiale per il cambiamento è il 29 gennaio 2024. Da quel giorno chi ha sottoscritto un abbonamento Amazon Prime potrà continuare a vedere i contenuti di Prime Video ma dovrà sorbirsi anche la pubblicità; in alternativa, potrà pagare un supplemento per far sparire gli spot.

A differenza di altre aziende, come Netflix o Disney, che hanno abbinato l'introduzione della pubblicità al varo di un abbonamento più economico rispetto a quello standard (e privo di pubblicità), Amazon ha deciso che il prezzo di base non varierà: sarà invece chi vorrà fare a meno degli spot a dover spendere di più.

Negli USA, il sovrapprezzo che consentirà di eliminare la pubblicità è di 2,99 dollari al mese (circa 2,70 euro); bisogna però tenere presente che alcuni contenuti, come gli eventi dal vivo, continueranno comunque a mostrare gli spot e lo stesso farà Amazon Freevee (disponibile solo in alcuni Paesi).

Al momento in cui scriviamo non è certo se la novità sarà immediatamente implementata in tutto il mondo o se invece inizierà dai soli Stati Uniti per poi estendersi gradualmente; prima o poi, comunque, riguarderà tutti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Prime Video, streaming, videogiochi e non solo
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
Netflix lancia l'HDR, Amazon il Prime Video con pagamento mensile

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Massì dai, te la concedo... :lol: Leggi tutto
13-1-2024 14:43

{Nik}
Mi sono abbonato a prime il primo anno che è arrivato in italia spendendo meno di 10 euro annui, con servizio ottimo e prezzi molto competitivi, soprattutto con i prodotti plus. Con gli anni sono aumentati gli abbonamenti, è peggiorato il servizio, hanno tolto i prodotti plus e sono aumentati i costi dei prodotti. Quelli a... Leggi tutto
12-1-2024 17:28

Suvvia, concedimi una citazione dotta...
12-1-2024 07:38

@Homer S., a giudicare dall'emoticon direi più un triste figuro... :wink:
11-1-2024 19:18

Io sono un tristo figuro. :weeps:
9-1-2024 08:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (2033 voti)
Febbraio 2024
Flipper Zero non è un gadget per “hackerare tutto”
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 febbraio


web metrics