Che noia la pubblicità al 187

Chiamando il servizio clienti di Telecom Italia, nell'attesa della risposta di un operatore siamo costretti ad ascoltare numerosi comunicati pubblicitari. Un tempo c'erano solo i messaggi di cortesia, oggi le scorrettezze di un operatore dominante.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-10-2004]

Chi chiama il 187 per denunciare il guasto di una linea telefonica, di una connessione Adsl, o semplicemente per ricevere informazioni su una bolletta, sulle tariffe o un servizio, spesso rimane in attesa anche diversi minuti, prima che un operatore gli risponda e ascolti le sue richieste, le sue proteste o i suoi reclami.

Una volta questa attesa era riempita esclusivamente da brani di musica classica o leggera che accompagnavano, precedevano e seguivano un messaggio di cortesia, che comunicava che gli operatori erano impegnati e di non desistere per non perdere la precedenza nella risposta.

Da qualche tempo, i messaggi di cortesia sono intervallati da continui messaggi pubblicitari sui servizi di Telecom Italia, che invitano a comporre questo o quel numero, senza precisare i costi dei servizi stessi, o di approfittare di qualche promozione Telecom Italia.

Si tratta di vere e prorie telepromozioni che l'abbonato deve sorbirsi per interi minuti tutte le volte che chiama. Questi annunci sostituiscono la musica per cui invece Telecom Italia doveva pagare i diritti Siae.

La prima domanda che sorge spontanea è se i responsabili Telecom Italia non abbiano valutato l'opportunità di una comunicazione pubblicitaria in queste forme. Il cliente è già seccato per l'attesa che gli porta via tempo prezioso: se deve ascoltare messaggi pubblicitari non richiesti, il messaggio stesso rischia di essere quindi controproducente. Inoltre il cliente potrebbe avere il sospetto di essere messo in attesa appositamente perché ascolti la pubblicità.

E' vero che il 187 è un numero gratuito ma è previsto espressamente dalla Carta dei Servizi di Telecom Italia ed è già pagato con il canone di abbonamento, senza bisogno di essere sfruttato anche come canale pubblicitario. Inoltre, il messaggio irrita il cliente e lo predispone a un contatto nervoso con l'operatore, rendendo ulteriormente difficile il suo lavoro.

Occorre poi capire se si tratta di un tipo di comunicazione pubblicitaria legale: la legge proibisce il telemarketing automatico effettuato senza il consenso degli abbonati chiamati.

La legge tuttavia viene aggirata grazie a una richiestina di consenso fatta automaticamente all'inizio del messaggio automatico. Inoltre si riferisce a chiamate fatte al cliente e non dal cliente, come avviene quando si chiama il 187.

E' vero invece che la normativa sulla privacy stabilisce che, all'atto dell'abbonamento a Telecom Italia e, in qualunque momento, chiamando lo stesso 187 o scrivendo, un abbonato può chiedere a Telecom Italia di non ricevere più pubblicità telefonica o scritta da questo gestore telefonico.

Il messaggio di attesa del 187 non discrimina fra abbonati che hanno chiesto di non ricevere comunicazioni pubblicitarie e chi non l'ha fatto: per chi ha rifiutato la pubblicità il messaggio pubblicitario di attesa è palesemente illegale.

Rimane comunque per tutti una forma di pubblicità invasiva, copiata da quella televisiva degli spot, che andrebbe vietata o comunque regolamentata. Oggi, infatti, può succedere che nel lasso di tempo di due o tre minuti il cliente debba ascoltare quattro o cinque volte lo stesso messaggio, con un effetto "martellamento" davvero notevole.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Simone
Vergogna, facciamoli finire!! Leggi tutto
2-12-2004 14:55

Scatenauto
TelecomItalia si può abbandonare senza rimpianti Leggi tutto
28-10-2004 09:05

Alfio Longo
Basta continuare Leggi tutto
27-10-2004 19:30

Maurizio Biffi
Telecom Italia Leggi tutto
27-10-2004 16:30

Fabio
e i Bancomat? Leggi tutto
27-10-2004 16:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanti cellulari hai cambiato negli ultimi cinque anni?
Nessuno, ho sempre lo stesso
Uno
Due
Tre
Quattro
Cinque
Tra sei e dieci
Più di dieci

Mostra i risultati (3406 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics