Ingannevole la pubblicità del digitale terrestre

L'Antitrust accoglie il ricorso di Adiconsum e Movimento di Difesa del Cittadino contro gli spot sul digitale terrestre: sarebbero ingannevoli su copertura e gratuità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-11-2004]

L'Antitrust, che è competente in materia di pubblicità ingannevole, ha accolto i ricorsi presentati dalle associazioni dei consumatori Movimento di Difesa del Cittadino e Adiconsum (vedi rettifica) contro gli spot sul digitale terrestre tramessi dalle reti Mediaset.

Gli spot sarebbero colpevoli di aver taciuto che il livello di copertura del digitale terrestre potrà raggiungere forse il 70% della popolazione solo a fine 2004 e che le trasmissioni hanno ancora carattere sperimentale.

Inoltre gli spot hanno taciuto che alcuni programmi, come le partite di calcio, si potranno ricevere sul digitale terrestre solo a pagamento, acquistando le smart card che Mediaset si appresta a commercializzare nel 2005.

Mediaset ha annunciato che ricorrerà contro la sentenza dell'Antitrust richiamandosi a una decisione invece favorevole dell'Autority per le Comunicazioni. Non sarebbe la prima volta che le due Authority divergono, distinguendosi l'Antitrust per rigore, mentre quella per le Comunicazioni per una particolare indulgenza nei confronti delle imprese di telefonia e televisive.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

Non credo che ingannevoli siano... Leggi tutto
8-11-2004 07:04

Scatenauto
E non finisce qui Leggi tutto
7-11-2004 10:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6010 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics