La foto dello tsunami che impressiona. Per il cattivo gusto

Un'immagine che gira in Rete mostra un'onda immensa poco prima che s'infranga sulla riva. Ma qualcosa non quadra.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-01-2005]

[fotomontaggio di onda gigante]

Una telecamera di sicurezza di un "Hotel Sheraton in Indonesia" o di un grattacielo a Phuket, stando alla descrizione che accompagna quest'immagine da incubo, avrebbe ripreso l'enorme onda dello tsunami pochi istanti prima che travolgesse la costa.

L'immagine è così drammatica che molti utenti della Rete la stanno inoltrando a parenti, amici e colleghi. Rende forse emotivamente la scala della tragedia del Sud Est asiatico, ma è un fotomontaggio.

E' meglio non soffermarsi su cosa possa spingere una persona a sprecare tempo per costruire un'immagine fasulla di una catastrofe; forse la molla è, come in altri casi, bearsi del fatto che la propria accozzaglia di pixel fa il giro del pianeta, facendosi beffe di chi non si sofferma a riflettere prima di inoltrare. Ma lasciamo stare.

Si tratta di un fotomontaggio perché secondo la maggior parte delle fonti lo tsunami del 26 dicembre 2004 non ha generato onde alte come grattacieli, come quella mostrata nella foto.

Aggiornamento (29/1/2005):Come notato da un attento lettore, un ricercatore giapponese, Yuichi Nishimura, afferma che nella zona di Banda Aceh le onde dello tsunami avrebbero superato i 34 metri di altezza. L'affermazione non ha avuto conferme indipendenti e comunque non si riferisce alla zona che sarebbe raffigurata nell'immagine.
Inoltre la foto è stranamente sgranata, e questo è un tipico segno di manipolazione digitale: la sgranatura, infatti, aiuta a nascondere i tipici errori di nitidezza e di colore che si generano nelle zone dove si sovrappongono gli elementi dell'immagine che devono avere bordi sfumati (la riva e l'onda).

Infine c'è un dettaglio curioso: il traffico viaggia sulla destra, ma in Thailandia si guida sulla sinistra. Certo potrebbe trattarsi di una foto che per errore è stata rovesciata, ma grazie all'impareggiabile sito antibufala Snopes.com è molto semplice togliersi ogni dubbio: infatti il panorama è quello della città cilena di Antofagasta. Snopes.com mostra la foto originale (senz'onda, ovviamente) nella propria pagina dedicata a questa bufala.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{Michele}
Una bufala sfacciata e di cattivo gusto Leggi tutto
25-12-2006 17:36

petkuna
Beh, gli avete dato anche troppa attenzione... Leggi tutto
6-6-2005 15:43

Atimere
E' una bfala ma rende l'idea... Leggi tutto
27-4-2005 21:51

Luigi
La foto del tsunami Leggi tutto
26-1-2005 11:01

marco
il mondo è pieno di imbecilli Leggi tutto
25-1-2005 19:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2131 voti)
Novembre 2018
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Tutti gli Arretrati


web metrics