Italia, troppe le intercettazioni

Tim informa la magistratura che non potrà più accettare altre richieste di intercettazione telefonica, salvo casi straordinari.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-02-2005]

al telefono

Il responsabile della security di Tim ha inviato in questi giorni via fax, una lettera a tutti i capi delle procure italiane e alla Direzione Investigativa Antimafia (DIA), avvisando che è stato raggiunto il limite delle 5.000 intercettazioni possibili e che, in attesa che gli apparati siano aumentati a 7.000, non sarà possibile accettare ulteriori ordini di intercettazione, salvo casi eccezionali per cui ci fosse una richiesta della DIA.

Secondo il ministro Castelli (e l'opposizione una volta tanto è concorde) il numero delle intercettazioni è assolutamente eccessivo, spropositato, con pochi riscontri in altri Paesi europei; sempre secondo Castelli ci sarebbero degli abusi da parte dei magistrati nell'uso di questo strumento di indagine, che verrebbe richiesto anche senza una effettiva necessità.

Queste dichiarazioni sull'eccesso di intercettazioni e sul loro abuso da parte della magistratura si potrebbero spiegare con il duro scontro che vede protagonisti Castelli e la magistratura italiana: si veda per esempio il caso del giudice che ha prosciolto i presunti terroristi islamici mentre un altro ha confermato il provvedimento (anche sulla base di intercettazioni telefoniche), oppure il caso della magistratura e delle zingare, senza parlare dei provvedimenti di riforma dell'ordine giudiziario.

Il fatto che anche l'opposizione sia d'accordo che l'uso delle intercettazioni andrebbe ristretto può allontanare questo sospetto. Se il governo ritiene che in Italia si abusi delle intercettazioni, c'è da chiedersi perché lo stesso governo dopo l'11 settembre avesse presentato una sorta di "Patriot Act" all'italiana, che dava ai servizi segreti un ampio potere di intercettazione telefonica, delle comunicazioni elettroniche (come le e-mail) e ambientale, senza bisogno di richiedere e ottenere autorizzazioni dalla magistratura.

La magistratura per lo meno è un organismo indipendente, soggetto solo alle leggi, con diversi gradi di giudizio, la trasparenza degli atti, la possibilità di ricorrere anche alle istituzioni giudiziarie europee e alla Corte Costituzionale, e un forte pluralismo politico e culturale al suo interno, anch'esso una garanzia; i servizi segreti invece agiscono sotto la copertura del segreto militare e di Stato e rispondono solo al governo in carica, che ha un determinato colore politico.

Dobbiamo quindi pensare che, dopo la sbornia ideologica della sicurezza a scapito della privacy, ci sia un ripensamento in atto, tra i politici di destra e sinistra, sui rischi di un abuso delle intercettazioni telefoniche in nome della sicurezza? Se così fosse, ci sarebbe solo da rallegrarsene.

Un altro problema è quello che l'allarme di Tim, anche se giustificato e fondato, nasce dopo che la stessa Telecom Italia aveva presentato al Ministero di Grazia e Giustizia nei mesi scorsi un'offerta per un servizio centralizzato per le intercettazioni delle comunicazioni elettroniche: era la famosa SuperAmanda, l'Echelon italiano, capace di realizzare centinaia di migliaia di intercettazioni. Tim, oltre a descrivere una realtà come quella della saturazione delle possibilità di intercettazione, sembrerebbe voler spingere in modo indiretto e "soft" un business molto interessante che si era arenato.

L'altra realtà è quella che emerge anche da tante fiction di carabinieri, polizia, guardia di finanza e guardie forestali: l'eccessiva discrezionalità nel corso delle indagini da parte delle forze dell'ordine nell'utilizzo delle intercettazioni; spesso vengono prima fatte e poi autorizzate, oppure autorizzate troppo spesso solo perché richieste.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Germania e Italia, due culture di fronte al Datagate

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Alberto
Una osservazione Leggi tutto
21-2-2005 17:18

andrea
Ma ci si rende conto che negli USA, patria di Echelon le intercettazioni sono un decimo di quelle italiane???La cosa preoccupante è il livello di paranoia e di rabbia nei confronti del Governo e dei politici, salvo poi andare tutti a votare come bei pecoroni da tosare...
21-2-2005 09:18

io sarei del parere che i telefoni dei politici dovrebbero essere controllati di default! [e non per trovare reati di m3rd4 tipo 'il figlio ha scaricato la canzonetta' o 'ha fatto cenno che non era poi tanto contrario alla tal cosa X', ma reati per cui è in pericolo lo stato stesso, ovvero accordi con mafia, mafia,... Leggi tutto
21-2-2005 08:20

Dario de Judicibus
Chi ha paura del lupo cattivo? Leggi tutto
20-2-2005 23:54

Scatenauto
Parla a vanvera e il nemico impazzirà Leggi tutto
20-2-2005 20:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3663 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics