Cartucce programmate per scadere anche se piene?

HP e altri produttori accusati di lucrare sulle scadenze artificiose delle cartucce d'inchiostro



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-02-2005]

cartuccia HP

Una cittadina statunitense ha portato in tribunale la HP accusandola di fabbricare cartucce d'inchiostro che sono programmate segretamente per scadere a una data prefissata anche se non sono state installate. Secondo l'accusa, le cartucce sarebbero dotate di "un chip intelligente che ha la doppia funzione di rilevare anzitempo l'esaurimento dell'inchiostro e di rendere inutilizzabile la cartuccia mediante una data di scadenza che non viene rivelata al consumatore".

HP non ha commentato pubblicamente l'accusa, che però sembra piuttosto ben fondata. Segnalazioni di cartucce che vengono diagnosticate come "scadute" pur essendo tutt'altro che vuote non mancano, e HP non sarebbe l'unica marca coinvolta. Per esempio, secondo quanto riferito da The Inquirer, un utente di una HP BusinessJet 2200C ha trovato che portando indietro l'orologio di sistema, la cartuccia che il diagnostico dichiara "scaduta" riprende miracolosamente a stampare.

Analoghi problemi di chip o sensori che "decidono" che la cartuccia è scaduta o esaurita quando non lo è, si rifiutano di stampare in nero perché è esaurita la cartuccia (separata) del colore o rifiutano arbitrariamente cartucce compatibili di altre marche, sono stati segnalati anche per Epson e Lexmark.

La questione è abbastanza seria da aver stimolato tempo addietro un indagine dell'UE. E' indubbio che i prezzi degli inchiostri originali sono molto più alti di quelli dei prodotti compatibili, mentre la resa, nella maggior parte delle situazioni, è pressoché identica. Ma un conto è costituire tacitamente un cartello per vendere inchiostro fino a duemila euro al litro, come sospetta l'UE; un altro è sabotare intenzionalmente i propri prodotti affinché dichiarino di essere esauriti quando non lo sono, al solo scopo di gonfiare gli utili, come afferma la causa USA.

Va detto che ci possono essere anche ragioni tecniche perché una cartuccia si dichiari esaurita quando non lo è: gli inchiostri sono deperibili anche se sigillati, e verso la fine della cartuccia la resa di stampa può deteriorare, perciò il chip intelligente proteggerebbe l'utente da stampe scadenti e danni alla stampante. Potrebbe essere quindi molto difficile dimostrare un eventuale dolo.

I produttori degli inchiostri originali, inoltre, dicono che i loro maggiori costi sono dovuti agli investimenti in ricerca, e che la qualità di un inchiostro si vede anche da fattori come la sua resistenza allo sbiadimento nel tempo, che raramente fanno parte delle prove condotte dagli utenti.

E' comunque inequivocabile la tendenza a vendere sottocosto la stampante per lucrare sulle cartucce. Fateci caso: i prezzi di certe stampanti sono stracciati e sembra di fare un affarone, ma poi si scopre che la cartuccia di ricambio costa quasi quanto l'intero apparecchio. Nel fare shopping, insomma, conviene guardare non soltanto il prezzo della stampante, ma anche quello dei suoi inchiostri (originali o compatibili) rapportato alla durata di stampa dichiarata, sulla quale è molto difficile barare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 27)

{Caterina}
Sì, anche a me è capitato. E comunque, visto che per lavoro stampo tante copie, per abbattere i costi sono passata alle cartucce compatibili. Sto approfondendo l'argomento. Che ne dite?
8-11-2017 16:17

Stefano
Anch'io ho una vecchia Epson Leggi tutto
23-4-2005 14:27

tonia
fax multifunzione telecom michelangelo Leggi tutto
30-3-2005 15:57

robinet
fax philips magic3 primo Leggi tutto
16-3-2005 17:56

anto
si sono 'parati' il ... Leggi tutto
3-3-2005 18:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1752 voti)
Ottobre 2020
Apple revoca i certificati, le stampanti HP non vanno più
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics