Bollino obbligatorio per i tatuaggi sotto copyright

Equo compenso esteso dalla musica ad altre forme di rappresentazione pubblica nonostante le perplessità delle categorie coinvolte. Pronta l'autocertificazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-04-2005]

Il topo della Disney in un tatuaggio

ATTENZIONE - OCCHIO ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE! - n.d.r.

Parte l'equo compenso anche per la "rappresentazione in pubblico di opere figurative dell'ingegno tutelate dal diritto d'autore": in parole povere, chi esibisce in pubblico un disegno o un'altra forma di rappresentazione grafica che ritrae un soggetto tutelato dal copyright dovrà corrispondere una tassa antipirateria e indicarne il pagamento tramite "apposizione di dicitura di legge".

Eclatante una delle conseguenze più immediate e controverse di questa novità, in vigore da oggi, che riguarda i tatuaggi: la loro esibizione coinciderebbe con il concetto di "rappresentazione in pubblico". Molti dei disegni usati nei tatuaggi, infatti, sono tutelati dal copyright, e i titolari dei diritti si sono lamentati del problema. Sintetizzando, si tratterebbe di un "illecito profitto" perché, stando a Pierre Canular, promotore dell'iniziativa a livello europeo, "esibendo i tatuaggi con i nostri segni grafici, le persone sono agevolate nel richiamare attenzione su di sé, e quindi grazie a noi ottengono un beneficio sociale e in ultima analisi economico, che va compensato".

Se il tatuaggio ti aiuta a trovare un partner ricco, insomma, è giusto che paghi chi ti ha agevolato: ma il provvedimento si era comunque reso necessario per equiparare la tutela del settore delle arti grafiche a quella di cui già ora gode il settore musicale. Come è noto, infatti, si paga una "tassa" (più propriamente un "equo compenso") sui CD vergini per ripagare gli artisti delle copie abusive prodotte dagli utenti, e i CD musicali preregistrati devono recare un bollino SIAE.

Con l'approssimarsi dell'estate è quindi importante verificare se avete tatuaggi tutelati dal copyright. Se volete continuare a esibirli, preparatevi a versare il tributo e a sottoporvi a una nuova seduta per aggiungervi l'apposita dicitura di legge: un piccolo codice a barre, già tutelato da brevetto, che identifica univocamente il titolare dei diritti e che consentirà la rapida verifica da parte delle autorità mediante un comune scanner palmare simile a quelli usati nei supermercati.

E dalla misura non si salvano, purtroppo, i disegni di dominio pubblico o di autore ignoto: è comunque necessario contrassegnarli e corrispondere l'equo compenso, così come avviene per i CD vergini usati per registrare i backup dei propri dati.

Essendovi tempi ristretti di entrata in vigore e preoccupazioni di dermatologi e tatuatori per la difficoltà di apporre correttamente il codice a barre, specialmente nelle zone intime spesso usate per i tatuaggi, è stata approntata una "autocertificazione sostitutiva transitoria": in pratica, si potrà stampare il codice su un tesserino plastificato, che verrà rilasciato al momento del pagamento dell'equo compenso.

E' un peccato che si parli tanto di equo compenso, ma nessuno si ricordi dell'equo utilizzo o fair use sancito dalla storica sentenza Betamax.

Aggiornamento (2 aprile 2005): Si tratta, naturalmente, di un pesce d'aprile. Gli osservatori attenti avranno notato due indizi rivelatori: le lettere iniziali di ciascun capoverso del testo formano una parola di senso ittico, e Canular in francese significa "burla, bufala". Mi auguro che il legislatore, comunque, non dimostri totale assenza di senso del ridicolo traendo ispirazione dall'articolo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

kaioh
con questo governo tutto è possibile, in fin dei conti paolo non ha neppure calcato troppo la mano, Urbani le sa sparare più grosse :)
30-4-2005 13:32

Redazione di Zeus News
Inoltre, i lettori *sono* stati avvisati dei due pesci d'aprile sulla newsletter successiva, la n. 614 del 4 aprile.
22-4-2005 20:25

Paolo Attivissimo
Per chi si e' sentito preso per i fondelli Leggi tutto
22-4-2005 13:38

Marco D'Amico
Se l'articolo - a cui ho creduto ciecamente visti i tempi - serviva a prendersi gioco della stampa "altra", che scrive sempre più e ragiona sempre meno, il suo autore poteva avvisare i suoi "affezionatissimi" attraverso la newsletter, come ha fatto per smascherare di recente noti truffatori del web.Io considero Attivissimo una... Leggi tutto
22-4-2005 13:34

donatello
Io ci sono cascato! Leggi tutto
21-4-2005 21:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (399 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics