Tutti i provider contro Telecom Italia

L'Associazione Italiana degli Internet Provider accusa la politica di aumento della velocità della banda praticata da Telecom Italia: danneggerebbe i clienti degli altri operatori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-04-2005]

foto di Giulio Grasso

Assoprovider, l'associazione che raggruppa quasi tutti gli Internet provider diversi da Telecom Italia, saluta con favore l'iniziativa dell'Associazione Anti Digital Divide di ricorrere all'Antitrust europea contro le sue tariffe Adsl più alte che nel resto d'Europa.

Assoprovider da parte sua sottolinea come la causa sia la stessa politica tariffaria rispetto agli altri operatori, il wholesale, cioè i prezzi delle connessioni Adsl che Telecom Italia pratica agli altri Isp, anch'esse più alte della media europea. Assoprovider mette in discussione la stessa politica Telecom Italia di continui aumenti della banda di velocità dell'Adsl, come l'ultima offerta Alice 4 Mega.

In un comunicato di Assoprovider si legge: "Sta accadendo un fatto increscioso: se un operatore ha una linea ADSL che improvvisamente (dopo che per mesi funzionava correttamente) non riesce più a sostenere la velocità contrattualizzata, Telecom non fa nulla per porre rimedio ma procede o con la proposta di declassamento in termini di velocità della linea o addirittura dichiarandola non più esercibile; un fornitore quando il suo prodotto non funziona più, semplicemente lo dichiara e cessa il servizio. Dove sono i diritti del consumatore?"

"A causa del passaggio a 1280 Kbps stanno accadendo migliaia di questi casi e ci troviamo con utenti che invece di vedere migliorata la loro fornitura se la vedono peggiorare. Chi difende gli utenti dalla perdita di prestazioni? Chi difende gli utenti dal diritto di poter godere tutti delle stesse condizioni di fornitura a parità di prezzo pagato?"

"Chi infine difende gli utenti affinchè vi sia la garanzia che nel tempo possano godere della velocità contrattualizzata all'inizio del contratto visto che un incremento o di velocità o nel numero di ADSL nel medesimo cavo può rendere non piu esercibile una certa velocità su di una certa coppia? Chi difende gli operatori dalla tattica di Telecom di dichiarare non più esercibili le linee che prima funzionavano ed ora non funzionano più a causa dell'incremento di velocità delle altre linee sullo stesso cavo? Chi garantisce gli operatori che Telecom a livello centrale o a livello di territorio non applichi una tattica discriminatoria basata sulla esercibilità della velocità sui doppini?

Sono accuse gravi da cui Telecom Italia probabilmente sarà chiamata a discolparsi anche davanti al nuovo organismo dell'Authority per le Comunicazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

luigi
rovinato Leggi tutto
12-4-2005 09:28

dr.pb
tranquilli provider: Telecom si sta uccidendo Leggi tutto
5-4-2005 21:23

daniela
Non solo danneggia i clienti degli altri operatori, ma anche alcuni clienti Telecom (io sono una di questi). Da quando è scattata l'operazione "aumento banda" non riesco quasi mai a collegarmi pur avendo un contratto Flat che prima non mi aveva mai dato problemi. Ormai sono quasi due mesi che ho questo problema e ancora non me... Leggi tutto
5-4-2005 15:33

Stefano Spolverini
Ma mi chiedo? Come fa Telecom Italia a difendersi dai provider che asseriscono di portare velocità superiori (sugli stessi doppini) come Tiscali o Fastweb, se non facendo lo stesso? E' assai noto che l'ADSL ha notevoli limiti tecnico/pratici dovuti allo stato ed alla lunghezza del doppino tra l'utente e la centrale, e... Leggi tutto
5-4-2005 13:18

Faus
Vergogna Telecom Leggi tutto
5-4-2005 00:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual tra questi l'evento che attendi di pi?
CES, gennaio, Las Vegas
Mobile World, febbraio, Barcellona
CeBIT, marzo, Hannover
E3, giugno, Los Angeles
Computex, giugno, Taipei
IFA, settembre, Berlino
Smau, ottobre, Milano

Mostra i risultati (1004 voti)
Novembre 2020
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Tutti gli Arretrati


web metrics