Garantito: meno schermate blu nel prossimo Windows. Saranno rosse

Umorismo involontario in casa Microsoft per la prossima versione di Windows.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-05-2005]

[schermata rossa di Longhorn]

La celebre "schermata blu della morte" di Windows, quella che significa che tutto il lavoro non salvato è andato perso e occorre riavviare il computer, è diventata talmente celebre da meritarsi magliette commemorative. E' un'immagine familiare che però forse si appresta a scomparire.

Infatti stando alle anteprime su Longhorn, il futuro sistema operativo di casa Microsoft, la schermata blu sarà molto meno frequente. E per un'ottima ragione: molti dei messaggi d'errore più gravi verranno visualizzati in rosso.

No, non è uno scherzo. E' vero che cinque anni fa il settimanale satirico online BBSpot pubblicò un articolo parodistico sul futuro di Microsoft, nel quale si prevedeva per il 2016 che la società di Bill Gates avrebbe "migliorato la sua unica innovazione" introducendo il "Red Screen of Death", ossia la "Schermata Rossa della Morte", ma stavolta l'umorismo non c'entra. Perlomeno non c'entra quello intenzionale.

La versione Beta 1 di Longhorn esibisce infatti una schermata di allarme tutta rossa. Non è chiaro se si tratta di una scelta cromatica temporanea, che sparirà nella versione definitiva, o se davvero Longhorn avrà schermate della morte multicolori a seconda della gravità dell'errore.

Naturalmente, trattandosi di una versione beta, non è corretto pretendere che Longhorn non vada in crash. Per ora, quindi, la cosa va presa semplicemente come un momento d'ilarità per intrattenere gli utenti e i beta tester durante la lunga, lunga attesa per l'arrivo di Longhorn e come conferma che la realtà imita spesso l'arte, anche in informatica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Approfondimenti
Blue Screen Of Death, lo inventò Steve Ballmer

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Antonio
Perchè non verde?^ Leggi tutto
31-8-2005 20:19

^Black_Storm^
Di male in peggio Leggi tutto
26-7-2005 21:08

Giorgio
Da notare l'errore nella schermata Leggi tutto
28-6-2005 10:37

Ecceziunale veramente!!!! Leggi tutto
25-5-2005 15:23

mah.. Leggi tutto
14-5-2005 15:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1854 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics