Lo spam letterario che beffa i filtri

Nuove tecniche degli spammer per eludere i filtri antispam: i messaggi mutaforma. Difficile difendersi pienamente, possibile un contenimento del fastidio



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2005]

dettaglio di un messaggio di spam

La battaglia contro lo spam pareva vinta, ma gli spammer si sono vendicati. I filtri bayesiani antispam adottati da molti provider sembravano aver risolto il problema alla radice: in cambio di un canone mensile estremamente modico, presso la maggior parte dei provider è da tempo possibile chiedere l'attivazione di un filtro antispam estremamente efficace e selettivo, con un tasso d'errore inferiore a quello umano.

Nella mia casella di posta su Tin.it, per esempio, si accumulano in media 3000 spam ogni settimana. Tutti vengono sistematicamente filtrati e non li vedo neppure. Cosa più importante, non perdo tempo e denaro a scaricarli, cosa preziosa specialmente in un periodo in cui viaggio molto e sono spesso online tramite GPRS o connessioni Wifi a pagamento negli alberghi.

Con l'introduzione di questi filtri, il numero di spam che ricevevo in casella e che quindi dovevo eliminare a mano era sceso a un livello sopportabilissimo; una piacevole esperienza condivisa da molti utenti che hanno optato per la formula "meglio pagare qualcosina e lavorare bene piuttosto che avere tutto gratis e tribolare".

Ma le cose sono cambiate. Stanno infatti iniziando a circolare dei messaggi mutaforma che scavalcano gli attuali filtri antispam. Meritano attenzione perché hanno un aspetto decisamente insolito: spesso sembrano messaggi privi di ogni richiamo pubblicitario, come potete vedere in questa immagine.

Dopo averne ricevuti a decine nonostante i miei filtri antispam, ho cominciato a chiedermi che senso avesse inviare spam che non promuove alcun prodotto ma contiene invece soltanto una citazione letteraria (altri esempi che imperversano in questi giorni sono costituiti da testi latini). Certo, le parole rare e i nomi contenuti nella citazione aiutano a superare i filtri bayesiani, che per loro natura tendono ad accettare messaggi contenenti più di un tot di parole raramente frequenti nello spam. Ma lo scopo primario dello spam è vendere, per cui un messaggio senza link o nomi di prodotti sembra un assurdo.

Ho pensato anche a un trucco da tempo caro agli spammer, ossia inserire il testo del messaggio pubblicitario come immagine allegata, ma questo spam non è accompagnato da immagini.

Poi finalmente mi si è accesa la lampadina. Come ogni navigatore della Rete che abbia a cuore la sicurezza e non sia ansioso di trovarsi nella posta pornografia e altre sorprese, ho impostato il mio client di posta (Thunderbird) in modo che non interpreti l'HTML eventualmente presente nei messaggi. In questo modo, vedo soltanto il testo semplice del messaggio, evitando immagini osé e altre trappole.

Ho provato a riattivare l'interpretazione dell'HTML per quel messaggio, e con grande sorpresa ho trovato che ha cambiato completamente contenuto. Da citazione letteraria si è trasformato in una chiarissima réclame di farmaci, con tanto di link cliccabile, come potete vedere in questa immagine.

Questo, insomma, è quello che avrebbe visto qualsiasi utente che avesse ricevuto questo spam e non avesse disattivato l'interpretazione dell'HTML: uno spam perfetto, chiaramente leggibile e addirittura privo degli errori di ortografia che solitamente appestano lo spam. Uno spam che ha eluso agilmente i filtri antispam. Come è possibile?

Il trucco viene rivelato esaminando l'HTML del messaggio. Dopo una prima parte di testo semplice, che contiene la citazione letteraria, c'è una parte in HTML che ospita il testo pubblicitario. In questa seconda parte, le parole-chiave che avrebbero allertato i filtri antispam sono spezzate inserendovi codici HTML e frammenti della citazione. Le ho evidenziate in grassetto qui sotto per chiarezza e ho sostituito le parentesi angolari dell'HTML con parentesi quadre.

In questo modo, il filtro antispam non capisce che "V[SPAN style=3D"DISPLAY: none"]of the shed where = the Governor was standing at the moment.[/SPAN]lAGRA VA[SPAN = style=3D"DISPLAY: none"]with that of his unfortunate fellow-convicts = bring him the[/SPAN]LlUM" verrà letto come "Viagra Valium" (con la L minuscola usata come I) e viene quindi beffato.

Non resta che attendere la prossima generazione di filtri antispam, capace di interpretare l'HTML e analizzare il messaggio tenendo conto anche di come verrebbe visualizzato, anziché limitarsi ad analizzarne il testo. Nel frattempo, almeno per ora, gli spammer hanno vinto.

Rimane comunque valido il consiglio di non attivare l'interpretazione dell'HTML nel vostro programma di posta: così, perlomeno, vedrete la citazione letteraria al posto delle scempiaggini degli spammer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Marco
DISPLAY: none Leggi tutto
19-6-2005 20:09

spambayes da me se la sta cavando alla grande Leggi tutto
4-6-2005 01:52

Lettore assiduo
quale filtro usi? Leggi tutto
4-6-2005 01:49

Giuliana
Pazzesco. Leggi tutto
30-5-2005 00:59

Casella12
cecita' virtuale, cecita' effattiva Leggi tutto
29-5-2005 09:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ci sono degli aggiornamenti del sistema operativo da scaricare e installare. Cosa fai?
Non installo nulla perché incide sulla velocità di Internet e sulle prestazioni del computer
Accetto l'installazione. Possono essere aggiornamenti importanti
Forse installerò gli aggiornamenti più tardi
Non vedo notifiche provenienti dal sistema operativo

Mostra i risultati (2713 voti)
Dicembre 2019
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Tutti gli Arretrati


web metrics