E' ufficiale: Apple passa a Intel

Steve Jobs conferma l'indiscrezione: Mac OS X sbarca sui Pentium. E adesso?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2005]

Logo Intel Inside

Steve Jobs, lider maximo di Apple, l'ha appena confermato. Circolavano indiscrezioni da vari giorni, ma adesso è ufficiale: Apple passa ai processori Intel. La dimostrazione di Jobs, alla Worldwide Developer Conference di San Francisco di oggi, è stata fatta usando un Mac con processore Pentium. Anzi, gli sviluppatori possono già ordinare il Developer Transition Kit, che comprende un Mac con Pentium 4 a 3,6 Ghz e Mac OS X Tiger 10.4.1 per processori Intel. A metà del 2006 saranno in vendita i primi Mac Intel, e l'intera gamma verrà migrata entro fine 2007.

E' insomma successo quello che nessuno osava immaginare. Tuttavia, da quanto risulta finora, non è detto che sia scomparso il vincolo dell'hardware "proprietario": si tratterebbe semplicemente di Mac dotati di un Pentium al posto del processore Power PC. Va notato che Apple trae dalla vendita di hardware buona parte dei propri guadagni e quindi rischierebbe molto a rinunciare al vincolo fra hardware e sistema operativo, per cui sembra improbabile che si potrà andare al negozietto sotto casa, comperare uno scatolone Pentium anonimo, e installarci Mac OS X.

Viene da chiedersi come l'ha presa zio Bill. Probabilmente sapeva già qualcosa, visto che Microsoft sviluppa da tempo Office per Mac anche su processori Intel (e si è saputo oggi che Mac OS X gira anche su Intel da cinque anni), ma non sarà entusiasta di trovarsi con un concorrente poderoso nel campo dei sistemi operativi. Se i Mac usano i Pentium, diventa possibile far girare Windows "blindato" dentro una finestra di Mac OS X senza le pesanti emulazioni di processore tipo Virtual PC. Si possono far girare nativamente le applicazioni Windows in Mac OS X con programmi come Wine. OpenOffice.org 2.0 beta è subito utilizzabile. Viviamo in tempi decisamente interessanti.

Un altro personaggio che non dormirà sonni tranquilli è Linus Torvalds. Ora che Mac OS X gira su Intel e i Mac caleranno quindi di prezzo, quanti altri geek smetteranno di interessarsi a Linux e abbracceranno Apple? Mac OS X è per molti appassionati un compromesso felice: uno UNIX che non fa tribolare con la gestione hardware, eterna palla al piede di Linux. Certo Linux rappresenta un'ideologia ben diversa, e non è soltanto PC ma anzi è principalmente orientato al mondo embedded e ai server, ma le speranze di vedere massicciamente Linux sul desktop calano di colpo.

Sulla base delle prime informazioni, insomma, sembra proprio che i computer non-Apple con processore Intel non possano installare Mac OS X, come si ipotizzava inizialmente. Anzi, subito dopo la presentazione fatta da Steve Jobs, il vicepresidente di Apple Phil Schiller ha detto chiaramente che non è previsto che Mac OS X giri su computer di altre marche e che anzi non è intenzione di Apple consentirlo. Ma una volta superato lo scoglio del processore, non è detto che Apple abbia l'ultima parola in proposito.

Per il momento, abbiamo il comunicato ufficiale e un resoconto scritto di getto, live dalla WWDC con altri dettagli tecnici, e nelle prossime ore non mancherà il filmato della presentazione. Attendiamo con impazienza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 61)

Kirocop
Cambia auto Leggi tutto
11-6-2005 16:59

Io vorrei usare linux perchè affascinato da questo mondo e dalla sua filosofia, ho installato fedora 3 su un secondo hd molto semplicemente ma la cosa che mi fa arrabiare è che ho a disposizione uno strumento che si adatta perfettamente alle mie esigenze (in fondo ha tutti i progranmmi che uso regolarmente in win) ma non posso... Leggi tutto
10-6-2005 12:44

Ash y Nod
Alt!Adesso non andiamo troppo fuori dal seminato con Linux...linux in quanto tale è solo il Kernel,solo il cuore che fa girare la macchina e lo fa in modalità testuale(avete presente il terminale ed il cursore?^^) ed è e sarà gratuito.Poi ci sono le varie distribuzioni,queste sono per la maggiorparte non commerciali... Leggi tutto
9-6-2005 23:15

Kirocop
Linux Leggi tutto
9-6-2005 21:41

Ma che linux resti pure fuori dalle "logiche di mercato"!Il punto è che a molti dispiace non poterlo usare al posto di Windows perchè troppo complicato.A voi non frega niente, ma a me pare un gran peccato: c'è la fila là fuori di gente che vorrebbe liberarsi di MS ma non vede alternative "abbordabili" a parte Mac... Leggi tutto
9-6-2005 20:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (414 voti)
Dicembre 2022
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 dicembre


web metrics