Intel smentisce, anzi no

Niente Palladium, dice Intel. Almeno per il momento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-06-2005]

Retromarcia Intel

Le indiscrezioni di Graham Tucker, responsabile Intel per l'Australia, secondo cui i nuovi processori Pentium D 820, 830 2 840 dual core (che proprio in Australia sono stati presentati), sono state smentite dalla stessa Intel, per bocca del portavoce Kari Skoog.

Niente sistema DRM nei chipset 945, e neppure nei nuovi processori. La notizia aveva scosso gli addetti del settore informatico, per la paura mai sopita del Progetto Palladium, voluto da zio Bill e altre aziende costituite in consorzio.

Intel ha tuttavia confermato che i nuovi chipset integrano da tempo sistemi di protezione come il DTCP-IP (digital transmission content protection over IP) per il trasferimento sicuro di dati su rete domestica, ed il Macrovision per la protezione dei diritti d'autore dei video.

Inoltre, nella seconda metà del 2005, arriveranno i nuovi driver video che consentiranno il supporto anche alle tecnologie COPP, HDCP, e CGMS-A.

La smentita non fa invece riferimento all'"active management technology" (AMT), il sotto-sistema operativo residente nel firmware del chip. Fondamentalmente, questa tecnologia consentirà il controllo del computer in remoto, indipendentemente e al di fuori del software.

Paradossalmente, la smentita di Intel potrebbe confermare i nostri peggiori incubi. Palladium non passerà in maniera violenta e imposta, ma con una progressiva colonizzazione delle reti mondiali.

La mossa di Tucker ha attirato troppi riflettori sulle intenzioni di Intel, e ha rischiato di rovinare il basso profilo voluto dall'azienda sull'argomento.

Nella sostanza, sempre che ci raccontino la verità, si vede come poco cambia: il processo di inserimento di controlli esterni all'interno dell'hardware, invece che nel software, è per Intel un processo irreversibile. Chissà cosa ne pensano i concorrenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

RunAway
Uff Leggi tutto
14-6-2005 19:32

Gica
Secondo me... Leggi tutto
9-6-2005 12:36

Ash y Nod
Beh ho dei dubbi circa la cina e il DRM e compagnia cantante...non per il fatto che in cina non vogliono duplicare musica e robe varie ma perchè in cina hanno quella mania del controllo sociale stretto per paura che gli rovescino lo stato...La cosa buona dei cinesi è che sono più di un miliardo...se solo un terzo riuscisse... Leggi tutto
9-6-2005 08:36

pippolo
in china we trust Leggi tutto
8-6-2005 01:33

Franz
Apple e Intel Leggi tutto
7-6-2005 15:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2545 voti)
Luglio 2020
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Tutti gli Arretrati


web metrics