Sempre precario il lavoro in Atesia

Nella più grande azienda italiana di telemarketing e call center, è in atto uno scontro tra i lavoratori e i sindacati ufficiali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-07-2005]

Lavoratori di Atesia in corteo, 22 giugno 2005
Lavoratori di Atesia in corteo, 22 giugno 2005

Atesia è la società di proprietà del Gruppo Cos di Alberto Tripi, che l'ha rilevata più di un anno fa da Telecom Italia, e che continua a mantenere una quota nella proprietà e a fornire la maggior parte delle commesse. E' la più grande società italiana di call center specializzati in telemarketing. In pratica se qualcuno vi telefona a casa per offrirvi un'Adsl Alice o un telefono cordless Aladino, al 90% lo sta facendo dalla sede di Atesia, dove sono impiegati circa 3.000 operatori.

In Atesia, che ha la sua sede principale a Roma, si sta verificando uno spiacevole e insolito scontro tra un collettivo autorganizzato di lavoratori, i cosiddetti "precari di Atesia" e le organizzazioni sindacali confederali: Nidil-Cgil (l'associazione della Cgil che organizza i lavoratori atipici), Fistel-Cisl, Cpo-Uil (la corrispondente della Nidil in Uil).

In sintesi, Cgil-Cisl-Uil hanno siglato un accordo con Atesia per la trasformazione di un certo numero di contratti a termine (già CoCoCo e Copro) in contratti di inserimento e apprendistato, cioè contratti potenzialmente più stabili, che potrebbero preludere a un'assunzione a tempo indeterminato (anche se non vi è certezza e i livelli salariali sono modesti); il collettivo autorganizzato contesta l'accordo e lotta invece per la trasformazione di tutti i contratti a tempo in contratti a tempo indeterminato.

C'è chi si accontenta di una soluzione graduale, prevista dalla legge 30 (detta anche Biagi), come fanno i sindacati ufficiali; e c'è chi contesta radicalmente la precarietà e i contratti sottopagati, come fa il collettivo, spalleggiato dai Cobas. Addirittura una delegazione del collettivo si è recata nella sede della Cgil nazionale in Corso Italia per contestare l'accordo e non è stata ricevuta, mentre alcuni scioperi autorganizzati hanno avuto un buon successo nelle settimane scorse.

Questo conflitto ora si acuisce: Atesia ha infatti messo in libertà in questi giorni circa 800 persone, invitandole a richiamare telefonicamente a settembre per sapere se ci sarà ancora lavoro per loro.

Il collettivo autorganizzato ha organizzato una protesta improvvisa con assemblee e presidi notturni. Per questo la direzione di Atesia ha licenziato quattro degli organizzatori della protesta per assemblee senza permesso, mentre i sindacati ufficiali hanno condannato queste proteste del Collettivo come inutili.

La contrapposizione tra gruppi spontanei di lavoratori, che portano avanti istanze più radicali, e il vertice sindacale, più moderato, è stata una delle caratteristiche dell'autunno sindacale degli anni '70. Ma allora i sindacati furono capaci di dialogare e confrontarsi con i contestatori, sapendone assorbire ragioni e portando al loro interno i delegati più rappresentativi; oggi, questa capacità sembra essere andata in crisi in Cgil-Cisl-Uil.

Questo è un grave limite proprio adesso che la politica della concertazione è andata in crisi: per la prima volta al vertice del Cnel (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro) anzichè un sindacalista o un uomo gradito ai sindacati è stato nominato l'ex Ministro Antonio Marzano, mai tenero con i sindacati; gli industriali metalmeccanici, in un loro documento ufficiale, si spingono a chiedere limitazioni al diritto di sciopero anche nell'industria privata.

Le divisioni nel sindacato non si limitano ad Atesia: a Torino, è una bella notizia, la Nidil-Cgil vince una causa contro la Tim, obbligando l'azienda ad assumere un'operatrice che per tre anni aveva lavorato in Tim come interinale, venendo poi lasciata a casa; ma questa scelta delle vie giudiziarie non è condivisa da Cisl e Uil. Cisl e Uil però proclamano scioperi in difesa di un'altra lavoratrice, già interinale, licenziata dalla Tim nel periodo di prova e la Cgil si dissocia dalla scelta. Queste divisioni certo non aiutano la causa del sindacato e dei lavoratori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)

qualche info Leggi tutto
17-7-2006 03:11

{ateinpace}
atesia sciopero 25/11/2005 Leggi tutto
3-12-2005 00:56

{ateinpace}
grazie tolardo Leggi tutto
3-12-2005 00:49

mauro
così imparate a fidarvi dei sindacati. Io da sempre ho sempre sostenuto la totale incapacità, voluta, di risolvere qualcosa a favore dei lavoratori.Mauro
27-7-2005 16:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai inserito username e password della tua webmail. Il browser ti chiede se desideri salvare le credenziali di accesso per il futuro. Cosa fai?
Uso questa opzione perché è comoda, così non devo inserire ogni volta username e password
Clicco su No e disattivo l'opzione “Resta collegato”
Non accedo alla mail attraverso siti di webmail ma solo attraverso applicazioni installate sul dispositivo

Mostra i risultati (1317 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics