Le nuove offerte del Voip

La filiale italiana di France Telecom presenta delle nuove offerte di tariffa flat per Adsl, oltre a telefonate nazionali e internazionali senza limiti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-09-2005]

Parla.it è la filiale italiana del Gruppo France Telecom che è già partita nel febbraio 2005 con una propria offerta Voip particolarmente conveniente e che ora rilancia.

L'offerta Parla.it si rivolge sia a chi già dispone di una connessione Adsl flat e a chi invece deve ancora abbonarsi all'Adsl.

Per chi ha già l'Adsl c'è il piano tariffario "ChiAma l'Italia" che consente di effettuare telefonate locali e nazionali a numeri fissi, senza limitazioni, a 13,89 euro al mese(Iva inclusa) oppure "ChiAma l'Europa" che permette di effettuare sia telefonate nazionali che rivolte verso telefoni fissi dell'Europa Occidentale per 23,89 euro al mese(Iva inclusa).

Per chi non ha l'Adsl o vuole aggiungere alla linea Telecom Italia un'altra linea con Adsl ci sono le proposte " ChiAma l'Italia e Internet" e "ChiAma l'Europa e Internet". "ChiAma l'Italia e Internet" costa 39,89 euro al mese(IVa inclusa: permette telefonate locali e nazionali verso telefoni fissi, senza limitazione, più una connessione Adsl 1280/256 Kbps per navigare in Internet 24 ore su 24, mentre "ChiaMa l'Europa e Internet" costa 49,89 euro al mese e consente telefonate locali, nazionali e internazionali verso i telefoni fissi dell'Europa Occidentale, senza limitazioni, più l'Adsl 24 ore su 24 1280/256 Kbps. In tutte e due l'offerte è compresa una e-mail @parla.it da 200 Mb e prevedono un costo di attivazione di 98 euro.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

alberto
Skype costa meno... Leggi tutto
12-9-2005 10:09

Mauro Girella
Conviene così tanto? Leggi tutto
11-9-2005 22:20

Mauro Girella
Conviene così tanto? Leggi tutto
11-9-2005 22:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2451 voti)
Novembre 2019
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Tutti gli Arretrati


web metrics