Guida a Palladium per profani

Perché un ristretto numero di esperti grida alla catastrofe nell'indifferenza generale? Cerchiamo di chiarirlo con parole semplici (e con un video).



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-01-2006]

Un frame del filmato di no1984.org

Parte prima: la tecnica e la politica

Si è parlato molto, in questi ultimi tempi, dell'introduzione sul mercato dei primi sistemi TC-compliant, vale a dire conformi alle specifiche dettate dal consorzio TCG (Trusted Computing Group), già noto ai più col nome di Palladium.

Chi non ci sta si è già organizzato nell'iperattivo gruppo di no1984.org, ma solo gli organi di informazione specializzati sembrano occuparsi del problema. Anche alcuni lettori di Zeus News, medium tradizionalmente votato al mondo dell'informatica, ci hanno chiesto di chiarire meglio la questione, affrontata finora in modo tecnico, spesso incomprensibile.

Essere precisi è piuttosto complicato, perchè il consorzio incriminato tende a diffondere poche notizie, mascherandole dietro pompose comunicazioni commerciali.

Inoltre, la situazione è in continua evoluzione: quello che oggi si chiama Trusted Computing (informatica fidata) ha effettuato, nel corso degli anni, parecchi cambi di nome e di rotta, sulla spinta anche di proteste e petizioni giunte dagli utenti. Non è escluso che il far uscire false indiscrezioni per testare il mercato sia una precisa strategia di marketing.

Quello che sappiamo è che il TCG, un cartello di industrie private rappresentanti la quasi totalità dei produttori mondiali di Information Technology, sta lavorando su una nuova generazione di macchine, un sistema che unisce inscindibilmente software e hardware, attivo a prescindere dal sistema operativo installato.

Il cuore del sistema è un chip, chiamato Trusted Platform Module (TPM), ma noto col nome di Fritz, che equipaggerà non solo i PC, ma tutti gli elettrodomestici e gli apparecchi comandati elettronicamente. Il chip custodisce al proprio interno una chiave crittografica, costituita da una coppia di numeri inaccessibili dall'esterno.

A regime, ogni informazione che circolerà tra i componenti del PC sarà criptata da questa chiave. In questo modo, il simpatico Fritz farà un po' da vigile, controllando tutto il flusso dei dati, e al tempo stesso marcherà in maniera indelebile l'hardware, senza alcuna possibilità di essere alterato.

Lo scopo dichiarato del consorzio è combattere frodi, pirateria e attacchi alla sicurezza nell'Internet. In realtà, sospettiamo che l'obiettivo sia un altro, come spiega Nicola Grossi nel suo articolo "L'affare del secolo", e cioè limitare i diritti degli utenti con una pesante DRM. In questo modo si controllerà il mercato dei contenuti multimediali, in cui i membri stessi del TCG e i loro principali clienti hanno fatto enormi investimenti.

Come si vede, la faccenda è molto meno tecnica di quanto sembri. Pare più che altro una questione di fiducia, come la parola "trusted" sembra suggerire. Una fiducia che le multinazionali dell'informatica mostrano di non avere nei confronti dei propri clienti.

Per questo, siamo noi a non poterci fidare di loro, come sintetizza il filmato di lafkon.net, tradotto e doppiato da no1984.org, scaricabile qui.

Leggi la seconda parte dell'articolo: il lato luminoso e la fregatura

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

{Cocco}
Maldidos! Leggi tutto
17-2-2006 01:29

{Albyreliew}
Grande articolo! Leggi tutto
2-2-2006 22:39

Pie speranze, temo, le tue. Come si può pensare che ci sia data tutta questa libertà di scelta, quando l'obiettivo finale della DRM, e quindi del TC, è fermare la "pirateria casuale", cioè fermare te, che vuoi copiare il tuo cd sul tuo ipod, o prestare il tuo DVD a tuo cugino, o ascoltare un brano da un cd che tuo zio ti ha... Leggi tutto
22-1-2006 09:25

{utente anonimo}
TC e PC Leggi tutto
21-1-2006 23:15

Si certo, non si potrà più fare queste operazioni, e tant'altro ancora. Hai ragione anche su questo, diffondere le problematiche legate a queste tecnologie è sempre importante, poi ogni persona prende a considerazione quello che più le sta a cuore. Ma vedi quello che accomuna tutti quelli che ne faranno uso, sia quelli che fanno delle... Leggi tutto
13-1-2006 22:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1686 voti)
Settembre 2018
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
L'Europarlamento approva la riforma del diritto d'autore, il web teme la censura
Falla 0-day in Windows, i cybercriminali hanno iniziato gli attacchi
Volete tenere Windows 7? Il prezzo continuerà a crescere
Tor Browser 8.0, più facile da usare e più abile nell'aggirare la censura
Salvati dallo smartwatch: il monitoraggio della salute ha già salvato la vita a due uomini
iPhone XS e Apple Watch Serie 4, le prime foto trapelate in rete
Falla 0-day in Windows, ecco la correzione. Ma non proviene da Microsoft
Agosto 2018
Falla 0-day in Windows 10 consente di ottenere il controllo sul Pc
Tagliato fuori da Galileo, il Regno Unito si costruirà un proprio GPS
Black Hat 2018, svelata vulnerabilità imbarazzante
Windows 10 nasconde una versione "Universale" di Esplora File. Ecco come attivarla
Tutti gli Arretrati


web metrics