Google Cina si difende sul blog

La grande G, dopo essersi auto-imbavagliata per entrare nel secondo mercato mondiale, espone le sue ragioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-01-2006]

Un curioso logo di google

Non erano passate nemmeno ventiquattro ore dalla manifestazione davanti all'ambasciata USA, per difendere la libertà di Google, quando è filtrata la notizia che la nuova versione cinese del popolare motore di ricerca, google.cn, censurerà il materiale giudicato sgradevole dalle autorità cinesi.

Secondo Andrew McLaughlin, consigliere strategico della grande G, "google.cn sarà conforme alle leggi e ai regolamenti locali cinesi. Nel decidere come approcciare il mercato cinese (o qualunque altro), dobbiamo bilanciare il nostro impegno a soddisfare l'utente, che chiede libero accesso alle informazioni, e rispondere alle condizioni locali."

Non meno cinico Bill Gates, patron di Microsoft, che per amor di corpo difende il concorrente dalle pagine virtuali del Times Online: "La Rete contribuisce al riscatto politico cinese, perché l'accesso alle informazioni esterne, anche se filtrate, evita una censura ancora maggiore."

Nonostante l'ottimismo di zio Bill, il muro di google è solo l'ultimo, in ordine di tempo, a cadere, dopo quello di Skype, ma anche di Yahoo e, appunto, Microsoft. D'ora in poi le autorità di Pechino non dovranno penare più di tanto per censurare i siti per loro scomodi: i motori di ricerca non li riporteranno nemmeno tra i risultati.

Sul finire della settimana, esplode il rimorso di Google: "Lanciare un dominio Google con informazioni limitate non è una scelta facile per noi," incalza Andrew McLaughlin dal blog di Google. "Sono anni che ci chiediamo se vale la pena di entrare nel mercato cinese, e per questo obiettivo, qualche compromesso si deve pur fare."

Secondo McLaughlin, utilizzare google.com in Cina è una sofferenza: il sito è inaccessibile per il 10 % del tempo, quando è accessibile è lento (a causa, forse, dell'alacre attività dei censori) e chiude il browser quando si clicca sui risultati. "Google News" non è mai accessibile, e "Google Immagini" lo è solo la metà del tempo.

Situazione insopportabile per gli utenti, ma soprattutto per la grande G, che in questo modo stava perdendo mercato in maniera consistente. "Questo problema poteva essere risolto soltanto creando una presenza locale," scrive McLaughlin. "Sappiamo che molti sono sconvolti per questa decisione, e francamente, capiamo il loro punto di vista".

"Ma siamo convinti di essere nel giusto. Evitare di offrire Google a un quinto della popolazione mondiale, sarebbe molto peggio," continua, ammettendo: "Non siamo fieri di ciò che abbiamo dovuto fare questa settimana, ma speriamo che il tempo ci dia ragione".

"Il nostro google.cn filtrato è il primo passo verso una presenza in un paese che sta crescendo rapidamente e che sarà il mercato più importante e dinamico del mondo. Siamo convinti che l'Internet contribuirà a una maggiore apertura e prosperità. Il nostro impegno continuo in Cina è l'unica maniera per portare i benefici dell'accesso alle informazioni per chiunque," conclude McLaughlin, promettendo: "In futuro faremo investimenti significativi e crescenti in Cina."

Soltanto su una cosa siamo d'accordo con Google: il tempo deciderà se è stata o no la mossa giusta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

{gaia}
dalla Cina Leggi tutto
17-5-2006 05:29

Concordo con Vathek. Anche Google tra la possibilità di perdere il mercato cinese ( e quindi denaro ) e la censura ha scelto la seconda. Di fronte al dio denaro non esistono principi etici o altro. Business is business.. :cry:
9-2-2006 17:10

Possono dì quello che gli pare... tanto alla fine la ragione unica di tutto è sempre la stessa: il denaro. Perché altrimenti Google si rifiuta di cedere al governo americano i dati di coloro che effettuano ricerche di siti porno? :roll:
31-1-2006 23:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'aggravarsi del tasso di inquinamento atmosferico fa assumere alle amministrazioni comunali la decisione di bloccare la circolazione delle auto. Cosa ne pensi?
Era ora: si tratta di una misura necessaria e urgente.
I blocchi del traffico sono inutili e peggiorano la vita delle persone.
Sono d'accordo, ma i provvedimenti dovrebbero essere più incisivi (o addirittura permanenti).
Sarei d'accordo solo se prima venissero potenziati i trasporti pubblici.
Non so.

Mostra i risultati (1463 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Il nuovo, vecchio e doppio laptop di Cassandra
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 gennaio


web metrics