Tronchetti story

Una biografia del presidente di Telecom Italia Marco Tronchetti Provera.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-03-2006]

Una nuova piccola casa editrice, la Memori che ha per simbolo un elefantino, è appena nata, con libri su temi d'attualità, dalla confezione grafica particolarmente raffinata ed elegante, anche se ancora non ha perfezionato i meccanismi di distribuzione in libreria. Tra i suoi primi testi spicca "L'Industrale. La storia di Marco Tronchetti Provera", scritto dal giornalista ed economista Fabrizio Spagna, collaboratore del Riformista e di Limes.

Come ha già notato Beppe Grillo, acerrimo nemico del maggiore azionista del colosso telefonico, in un suo post (sicuramente molto più letto del saggio), questa prima "biografia autorizzata" del Presidente di Telecom Italia non brilla per criticità nei confronti di Tronchetti, anche se è sicuramente molto completa, precisa e puntuale nella ricostruzione della sua carriera.

E' destinato ad occupare il posto che fu dell'Avvocato Agnelli nella leadership di Confindustria (potrebbe prendere il posto di Montezemolo, suo grande amico, se il "capo" della Ferrari dovesse entrare in politica); non ha il dono della battuta facile, caustica e memorabile che fu dell'Avvocato e la sua rete larga e importante di amicizie internazionali.

Spagna, economista molto interessato ai rapporti tra etica e affari, è rimasto colpito dall'insistenza con cui Tronchetti Provera parla di responsabilità sociale dell'impresa, di valori tradizionali come disciplina e onestà (come fa nella sua recente intervista a Capital). La realtà a volte tradisce queste affermazioni, come testimonia il recente "j'accuse" a Telecom da parte delle associazioni dei consumatori sulla vicenda delle attivazioni non richieste di servizi telefonici.

Dal libro si imparano molte cose: ad esempio si capisce che a Tronchetti Provera, a differenza dei suoi amici personali e politici Della Valle e Montezemolo, imprenditori che si sono messi contro Berlusconi duramente negli ultimi giorni, Prodi non piacerà mai molto. A Tronchetti bruciano ancora i "no" che Prodi, allora Presidente dell'Iri, gli disse nel '93 quando avrebbe voluto far entrare la sua Pirelli di più in Sip; il Professore disse di no, per l'evidente conflitto di interessi tra il fornitore di cavi Pirelli e un'eventuale maggiore partecipazione nel controllo della telefonia, allora monopolistica.

Per lo stesso motivo, diventato Presidente del Consiglio, Prodi si oppose all'ingresso di Pirelli nel cosidetto "nocciolino duro", il sindacato di azionisti privati, maggiore la Fiat, a cui lo Stato affidò la gestione della Telecom privatizzata.

Si apprende che Tronchetti Provera sarà e amerà definirsi un'industriale, fortemente interessato all'innovazione di prodotto (come la vicenda dell'operazione Corning nel settore della fotonica che portò a Tronchetti la forte liquidità per diventare il maggiore piccolo azionista di Telecom Italia) ma è soprattutto un uomo che ha capito l'importanza della comunicazione nella società moderna.

Comunicare sè stesso, la propria immagine, il proprio brand, sapersi vendere, prima ancora di vendere qualcosa, in fatto di comunicazione Tronchetti Provera non ha niente da imparare, nemmeno da Berlusconi: ha inventato il calendario Pirelli, in cui non si vedono pneumatici, ma solo bellissime donne, le più belle del mondo, come mamma le ha create, fotografate dai più grandi artisti dell'immagine.

La prefazione del libro è di un grande del giornalismo italiano, Ferruccio De Bortoli, attuale direttore del Sole 24 Ore e prima direttore del Corrierone, da cui fu allontanato anche per le forti pressioni di Berlusconi. De Bortoli riconosce a Tronchetti onore al merito, di averlo sempre lasciato libero (Tronchetti è uno degli azionisti maggiori del Corriere della Sera) anche se non sono mancati i momenti di forte divergenza tra loro.

De Bortoli cita l'affermazione di Tronchetti Provera, secondo cui il controllo di un'azienda, o meglio il diritto a guidarla, non deriva dal numero di azioni ma dalla capacità di accrescerne il valore. A chi lo critica perché così Tronchetti se la cava con poco, controllando un'azienda, ricevendo i benefici del controllo (tipo una forte remunerazione) senza rischiare molto, Tronchetti risponde che chi lo critica con questi argomenti non ha detto nulla sulle brutture dell'Opa di Colaninno, che ha riempito l'azienda di debiti e ha lasciato, Tronchetti Provera, nei conti poca trasparenza e qualche sorpresa di troppo.

Oggi Tronchetti dovrà trovare il modo di rimpiazzare Gnutti nella cordata che finora ha controllato Telecom Italia, e i mercati lo attendono al varco, se sarà capace ancora di valorizzare ulteriormente l'azienda (che non significa solo spremerla il più possibile per distribuire nel 2006 e il prossimo anno ancora un discreto dividendo).

Scheda
Titolo: L'industriale
Sottotitolo: La storia di Marco Tronchetti Provera
Autore: Fabrizio Spagna
Editore: Memori
Prezzo: 16 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (3)

TRONCHETTI...QUALE EVENTO !!! Leggi tutto
20-3-2006 08:35

Tronchetti story Leggi tutto
17-3-2006 19:00

{utente anonimo}
vorrei proprio sapere che valore hanno creato per gli azionisti? in vent'anni di privatizzazioni gli operatori privati non hanno posato un metro di doppino o di fibra ottica.con 4 operatori ci aspettavamo un'abbondanza di 4 reti proprietarie in concorrenza. bene, ne abbiamo una , alla malora con manutenzione pari a... Leggi tutto
16-3-2006 09:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (2015 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics