Il programma elettorale dell'Assoprovider

L'Associazione italiana Internet Provider avanza le sue richieste ai partiti per la prossima legislatura per lo sviluppo di Internet.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-03-2006]

Anche l'Assoprovider, l'Associazione degli Internet Provider concorrenti di Telecom Italia lancia quasi una piattaforma programmatica di scelte che il prossimo Governo dovrebbe assumere per lo sviluppo della Rete in Italia. Le 10 proposte di Assoprovider:

1) Favorire la concorrenza e liberalizzazione attraverso la separazione di TelecomItalia in due società e la promozione di iniziative Infratel - like. Naturalmente, questa scelta è avversata da Telecom Italia e dal suo Presidente Tronchetti, che pure è stato uno dei protagonisti del recente convegno della Confindustra dedicato proprio ai temi della liberalizzazione dell'economia

2) Creazione di un catasto delle risorse di telecomunicazione

3) Utilizzare infrastrutture wireless standard e sostenere il wireless broadband in tecnologie non proprietarie

4) Apertura del mercato del mobile

5) Favorire e incentivare un processo di convergenza tra il settore delle telecomunicazioni e quello della radiodiffusione;

6) Rafforzamento e razionalizzazione delle Authorities coinvolte nelle problematiche legate a Internet;

7) Creazione di una commissione parlamentare su internet a difesa delle libertà individuali fondamentali;

8) Marketplace di Consip: creazione del settore tlc

9) Sostegno allo sviluppo del Venture Capital e creazione di una borsa low cost per il settore;

10) Revisione completa della filosofia dei progetti e-gov ed ecommerce.

Per ora non risulta una grande attenzione per questi temi da parte delle forze politiche, come d'altra parte per tanti altri concreti, agli atti, per ora, c'è solo il libretto del Ministro Stanca, distribuito per posta a tutte le famiglie italiane, volto più ad elogiare quanto fatto in passato, tra cui cose anche positive come gli incentivi individuali per l'Adsl e l'acquisto del Pc, che a fare programmi per il futuro ed un discorso di Romano Prodi a Milano che sposa le istanze di liberalizzazione del Wi-Fi e si impegna a ridurre il digital divide per le zone scoperte dall'Adsl e penalizzate da tutti i gestori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (1)

non vedo la dicitura " cancellare l legge Urbani" :?
24-3-2006 02:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1047 voti)
Novembre 2017
Attenzione: il set-top box con Kodi può ucciderti
Monaco abbandona Linux e LibreOffice e torna a Windows
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto
Windows 10 non sarà più gratuito
Ottobre 2017
Youtuber svela l'iPhone X in anteprima e fa licenziare il padre da Apple
Amazon Key dà al corriere le chiavi di casa
Come far risorgere le app cancellate dal Fall Creators Update
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics