L'innovazione è ancora tradita

Una tavola rotonda sulle politiche per l'innovazione digitale in Italia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-04-2006]

Il centrosinistra ha vinto per un pelo le elezioni e tutti lo aspettano al varco anche per vedere quali politiche di promozione dell'ICT e della Rete metterà in campo. Si parla, sempre più con insistenza, del ruolo che è stato del Ministro Stanca, cioè il responsabile del dicastero dell'innovazione tecnologica; oggi Prodi lo affiderebbe ad una donna, Linda Lanzillotta della Margherita.

Uno dei suoi più stretti collaboratori è Paolo Zocchi, presidente dell'associazione UnaRete.org e autore, insieme a Giovanni Iacono, del libro "L'innovazione tradita" (Editori Riuniti) che fa il punto su quali politiche per l'innovazione digitale siano state portate avanti in Italia in questi anni e fa numerose proposte per l'avvenire.

Paolo Zocchi presenta il libro venerdì 5 maggio a Ivrea, in un incontro promosso dal Gruppo Ribes, presso la sala Cupola del centro La Serra in corso Botta 30, con inizio alle ore 15. Ne discuteranno con lui uno dei più importanti sociologi italiani, il professor Luciano Gallino e Renzo Rovaris, direttore generale del CSI Informatica Piemonte.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (354 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics