Quale futuro per la ricerca nelle Telco?

I ricercatori del centro Telecom Italia si mobilitano per difendere il ruolo della ricerca nelle telecomunicazioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-06-2006]

L'unificazione di Telecom Italia e Tim in un'unica azienda alla fine dell'anno scorso ha comportato per i laboratori di Torino (TILab) la trasformazione principalmente all'interno di un reparto di Telecom Italia, presente a Torino, Roma e marginalmente Milano entro il quale si fa anche un po' di innovazione. A prescindere dagli assetti organizzativi interni, il problema più rilevante è la qualità e il tipo di lavoro che viene richiesto ai lavoratori del centro, sempre più lontano da una caratterizzazione di ricerca.

Al di là della propaganda sui media, queste recenti scelte dell'azienda comportano, oltre alle ripercussioni sulle professionalità all'interno, l'impoverimento dell'attenzione dell'operatore nazionale di telecomunicazioni più importante verso lo sviluppo futuro delle tecnologie e dei servizi, in una prospettiva di corto respiro, e l'impoverimento ulteriore della presenza di attività ad alto contenuto tecnologico nell'area torinese.

In questo quadro e su questi temi, le RSU TILab, insieme ai lavoratori e alle organizzazioni sindacali di categoria, organizzano un incontro con le istituzioni locali e le forze culturali per discutere sul tema: "Ricerca Tlc a Torino. Quale futuro?".

L'incontro si terrà il 14 Giugno a Torino, dalle 15.00 alle 17.30, presso la sala conferenze della Camera del Lavoro in via Pedrotti 5. E' prevista anche la partecipazione dell'appena confermato sindaco di Torino Sergio Chiamparino.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cos'Ŕ che valuti maggiormente quando acquisti uno smartphone?
La dimensione dello schermo
Il processore
La durata della batteria
Il prezzo
La velocitÓ di connessione

Mostra i risultati (3814 voti)
Novembre 2019
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Tutti gli Arretrati


web metrics