Quando Sip e Cia andavano a braccetto

La vicenda di Tavaroli e dei rapporti con il Sismi non costituisce una novità nella storia italiana.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-07-2006]

Le vicende di questi ultimi mesi che hanno fatto emergere un'inquietante rete spionistica illegale, gestita da un dirigente di primo piano di Telecom Italia, come Giuliano Tavaroli, con legami assai stretti con il mondo dei servizi segreti italiani ma anche stranieri, cioè la Cia, che ha rapito in pieno giorno un cittadino straniero su cui stava indagando la magistratura italiana, non costituiscono affatto una novità per la storia della nostra Repubblica.

E' bene non dimenticarlo in tempi in cui la memoria storica si fa sempre più fragile e labile. Ricordare ad esempio che lo scandalo Sifar, in cui il generale De Lorenzo aveva raccolto numerosi dossier riservati su personalità della politica e dell'economia; lo aveva potuto fare grazie alla collaborazione di funzionari della Sip di allora che avevano permesso di effettuare intercettazioni, senza le autorizzazioni della magistratura (siamo nel 1968).

Lo scandalo è venuto alla luce grazie, corsi e ricorsi storici, a un'inchiesta del settimanale dell'Espresso, condotta dai giovani giornalisti Eugenio Scalfari, in seguito fondatore de La Repubblica e di Lino Jannuzzi, oggi parlamentare di Forza Italia.

Molto più recentemente, è stato l'ex capo dei servizi segreti, il generale Ambrogio Viviani, ad ammettere, nella deposizione presso il Pm di Venezia Felice Casson su Gladio del 1990, l'esistenza di una struttura occulta all'interno della Sip gestita direttamente dai servizi stessi, almeno da vent'anni prima della deposizione di Viviani.

Come non ricordare che nel mese di maggio 1977 il sostituto procuratore della repubblica di Bologna, dottor Claudio Nunziata, avviò una inchiesta nei confronti della Sip relativamente a dispositivi di prova di ascolto che non erano dotati dei toni acustici di inclusione, come previsto dalla legge.

A conclusione dell'indagine furono rinvenuti elenchi di utenze intercettate per periodi anche di 36 mesi senza notizia di alcuna autorizzazione dell'autorità giudiziaria. Accanto al numero telefonico (esatto) era posto un nominativo di fantasia affinché i tecnici che dovevano realizzare le connessioni ignorassero l'identità degli utenti: erano in gran parte partiti politici, giornalisti, operatori di vari settori.

La Sip fino al 1994 era posseduta quasi totalmente dalla finanziaria Stet, che raggruppava molte società. Oltre alle telecomunicazioni Italcable, Telespazio e Sip, la Stet controllava industrie militari, come la Selenia, la Oto-Melara, la Vitro-Selenia e la Elsag. Era facile immaginare scambi tra favori fatti dalla Sip ai servizi segreti militari e alle alte gerarchie delle Forze Armate e commesse per le industrie militari della Stet.

L'apice di questi stretti rapporti tra Sip e servizi segreti fu durante la presidenza della Ste di Michele Principe, che prima era stato presidente della Selenia e risultò iscritto alla loggia P2. Principe era l'uomo della Nato nel settore delle telecomunicazioni, dove ha trascorso una vita, con compiti particolari.

Agli inizi della sua carriera è stato dirigente della segreteria Nato presso il ministro delle Poste, in seguito è stato presidente del delicatissimo organismo strategico della Nato nel settore delle telecomunicazioni Civil communications and Planning committee.

La stessa Commissione di inchiesta sul delitto Moro non è mai riuscita a venire a capo del cosidetto "blackout dei telefoni" avvenuto a Roma in quelle ore; il ruolo dei servizi segreti italiani e stranieri (anche americani) in quella triste vicenda è ancora oggi avvolto nel mistero.

E' vero che Tavaroli assunse la guida della security di Telecom Italia solo con l'arrivo di Tronchetti Provera per cui lavorava in Pirelli ma, prima dell'esperienza "pirelliana", era stato capo della security di Italtel quando questa era ancora in orbita Stet-Iri.

Dunque non c'è molto di nuovo sotto il sole delle Tlc italiane nella vicenda Abu Omar.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Letta e Tavaroli hanno passato i nostri dati agli americani?

Commenti all'articolo (5)

all'epoca delle BR le centrali Sip pullulavano Leggi tutto
26-7-2006 23:31

{utente anonimo}
Le spie di Telecom Leggi tutto
23-7-2006 00:10

{BRAVEHEART CUORE IMPAVI}
Storia Antica e Storia Moderna Leggi tutto
18-7-2006 12:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1708 voti)
Gennaio 2021
Il disastro tragicomico di Parler
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100% e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Falla spettacolare negli iPhone
La storia segreta di un gioiello scientifico
Tutti gli Arretrati


web metrics