Microsoft dichiara guerra ai pirati

Tra le novità, una "modalità ridotta" per Windows Vista e l'eliminazione di alcune funzionalità se il sistema operativo viene considerato contraffatto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-10-2006]

Foto di Armin Hanisch

Sembra che l'evoluzione del Windows Genuine Advantage, che avrebbe potuto fare la propria comparsa in autunno per gli attuali sistemi XP, prenderà il prossimo treno. Integrata in Vista ci sarà infatti la nuova Software Protection Platform, che effettivamente raggiunge nuove vette nell'arte del rendere la vita difficile ai pirati.

Corl Hartje, direttrice della Genuine Software Initiative, ha chiarito che il nuovo WGA sarà decisamente più attivo del predecessore.

Se una copia di Windows verrà dichiarata non originale dal software di controllo, tanto per cominciare verranno disattivate alcune funzionalità: Aero, ovvero la nuova interfaccia; ReadyBoost, cioè la possibilità di usare una memoria flash con certi requisiti prestazionali come cache supplementare, al fine di migliorare le prestazioni quando la RAM scarseggia; Windows Defender, l'antimalware di Microsoft; infine gli aggiornamenti opzionali normalmente scaricabili da Windows Update. Gli aggiornamenti critici di sicurezza, invece, saranno sempre a disposizione.

Oltre a ciò, come c'era da aspettarsi, nell'angolo in basso a destra del desktop apparirà la scritta "Questa copia di Windows non è originale".

Altre novità riguarderanno la procedura di attivazione. Come ora accade per XP, esisterà una finestra di 30 giorni durante la quale sarà possibile inserire la product key per attivare la propria copia di Windows.

Passato il periodo di grazia, il sistema inizierà a funzionare in "modalità ridotta". In questa speciale modalità verrà avviato il browser di default che potrà essere usato per un'ora, dopodiché sarà automaticamente fatto il logout. A quel punto, ci si potrà loggare di nuovo per un'altra ora e via di seguito, a meno che non si inserisca una product key valida. Inoltre non verranno visualizzati il menu Start né le icone del desktop, mentre lo sfondo diverrà nero.

Una cosa Harjte tiene a precisare : "Le tecnologie anti-pirateria di Microsoft non possono spegnere il computer, né lo faranno".

Un altro colpo alla pirateria verrà dato cambiando l'attuale sistema di licenze: le volume license keys, codici per prodotti che Microsoft fornisce a grandi organizzazioni, ognuna delle quali può attivare un illimitato numero di copie di un determinato prodotto, saranno abolite, sostituite da nuovi sistemi.

Se anche poi Vista fosse legittimamente acquistato e attivato, i controlli continueranno; ad esempio, qualora si volesse scaricare software Microsoft aggiuntivo. Se, per qualsiasi motivo, la chiave giudicata a suo tempo valida venisse riconosciuta per illegale, verrà concessa una nuova finestra di 30 giorni per acquisire una licenza regolare.

MIcrosoft è nel proprio diritto cercando di difendere i propri prodotti, sebbene le modalità siano un po' invasive. Dopotutto, se qualcuno non vuol pagare spesso esistono alternative libere soddisfacenti, che evitano di doversi dare all'illegalità.

Quel che preoccupa è la notevole quantità di "falsi positivi" generata dal WGA attuale (una stima fatta qualche tempo fa da ZD.net parlava addirittura del 42% di tutte le segnalazioni di software contraffatto). Dato che un software esente da bug non esiste e considerata l'esperienza di questi tempi, quanto passerà prima che un regolare utente di Vista si trovi il sistema in "modalità ridotta" per un errore del programma? E quanto ci metteranno i cracker a trovare un sistema per aggirare anche questo ostacolo, così che i disonesti possano continuare a esserlo?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

ma se il crack di vista ultimate misura 2gb, vuol dire che quel cracker cinese avra cancellato questa sgradita funzionalità :yuppi:
11-3-2007 21:35

mi autoriprendo... fatto eludibile, si puo tenere tutta la roba che ci pare... e so chi l ha messo senza tanti avvisi di originalità ... ma quale rafforzamento di protezione?? i cracker lavorano meglio dei programmatori microsoft, e non sono neanche pagati! inoltre per le patch di sicurezza, come già fanno per XP ,basterà cercare sul... Leggi tutto
4-2-2007 12:48

Microsoft dichiara guerra... Leggi tutto
29-1-2007 16:45

zio bill ha esagerato Leggi tutto
29-1-2007 13:17

{dados77}
mmm... pensiero stupendo.... Leggi tutto
29-1-2007 08:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1063 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics