Tutta la Rai on line senza copyright

La Rai presenta il nuovo contratto di servizio con lo Stato: tutti i contenuti dovranno essere disponibili gratuitamente e sotto licenza Creative commons.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-12-2006]

logo

Il nuovo contratto di servizio della Rai, cioè la convenzione che stabilisce gli obblighi dell'azienda in cambio del canone (che verrà ancora aumentato a 104 euro) verso la società italiana, prevede importanti novità sotto il profilo della presenza della Rai sul web e dei diritti di usufruire on line dei contenuti multimediali (prodotti dalla Rai con denaro pubblico).

Il contratto di servizio, che dovrà essere discusso e approvato dalla Commissione bicamerale di vigilanza, allinea così la Rai alla BBC per la possibilità di usufruire sul web dell'archivio multimediale di un grande network televisivo pubblico. E' interessante anche l'introduzione della categoria delle licenze Creative commons in un accordo pubblico con lo Stato da parte di una grande azienda editoriale, che persegue anche logiche di carattere commerciale.

Il contratto di servizio prevede:

"Rendere disponibili sul portale RAI.IT tutti i contenuti radiotelevisivi prodotti dalla Rai a tutti gli utenti che si collegano a Internet dal territorio nazionale, avendo cura di rendere disponibile i contenuti trasmessi dalla televisione e dalla radio non appena termina la trasmissione di tali contenuti".

"Negoziare l'acquisizione dei diritti per la diffusione sul web di tutti i contenuti trasmessi nell'ambito dell'offerta radiotelevisiva. A tal fine, la Rai si impegna a destinare all'acquisizione di tali diritti non meno del 7% di tutte le risorse finanziarie da essa impiegate per la produzione o acquisizione di contenuti trasmessi nell'ambito dell'offerta radio-televisiva".

"Offrire una produzione di contenuti specifica per il portale Rai.it".

"Offrire all'utenza, nell'ambito della licenza Creative Commons, la possibilita' di scaricare via Internet tutti i contenuti radio-televisivi prodotti dalla Rai mediante proventi dei canoni di abbonamento".

"Offrire a tutti i siti web, che si impegnino a rispettare l'integrita' dei contenuti e la restrizione dell'accesso a tali contenuti nell'ambito del territorio nazionale, la possibilita' di distribuire tutti i contenuti presenti sul portale Rai.it, nei limiti della propria disponibilita' dei diritti su tali contenuti".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)


{Luciana}
Italiani all'estero Leggi tutto
21-12-2006 17:55

Io è da un bel po' che usufruisco delle registrazioni in fase beta sicuro che non fungono all'estero neanche queste? http://www.raiclicktv.it/raiclickpc/secure/list_strillo.srv?id=154 http://www.rai.it/news/ (vari tg scelti per regione) http://www.leonardo.rai.it/tgr/HP_TGR/0,8248,22,00.html Leggi tutto
21-12-2006 12:57

se eliminassero la pubblicità dalle registrazioni sarebbe anche meglio.. ma si può stare certi che l'eliminazione della pubblicità sarà una violazione dell'integrità del file. e un bell'affare per chi ha pagato una sola volta per apparire nell'orario di punta, e vedrà uno spot ripetuto in migliaia di download. chiaramente dietro la... Leggi tutto
21-12-2006 11:25

Perche' limitato all'Italia? Forse per ... Leggi tutto
21-12-2006 09:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
È la solitudine che spinge le persone a usare "più tecnologia".
È l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1199 voti)
Marzo 2019
WhatsApp in crisi, Telegram guadagna milioni di nuovi utenti
I portatili HP rischiano di prendere fuoco per colpa della batteria
La rete e il mercato dei guardoni
Effetto Iliad: Vodafone dichiara 1.130 esuberi
Google: C'è una falla in Windows 7, passate a Windows 10
Intelligenza artificiale genera volti, appartamenti, manga. E gattini
Falla in Word permette di aggirare i sistemi di sicurezza
Facebook: tutti possono trovarvi dal numero di telefono, anche nascosto
USB 4, velocità sino a 40 Gbit/s e tutti i benefici di Thunderbolt
Da Western Digital la microSD da 1 Tbyte più veloce del mondo
Febbraio 2019
A proposito di quell'intelligenza artificiale di OpenAI troppo pericolosa da pubblicare
Swatch contro Samsung: Ha copiato i nostri orologi
Servi dello smartphone che ci doveva servire
Azienda italiana lascia esposto online l'intero archivio clienti
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics