I pulpiti e le prediche

Mentre i paesi francofoni aprono le porte all'Open Document Format, Microsoft accusa IBM di giocare sporco e di incoraggiare il formato libero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2007]

Citare proverbi che coinvolgono pulpiti e prediche è sempre un po' antipatico ma specialmente lo è diventato in queste ultime settimane in cui omelie insegnamenti e distinguo di vario genere ci hanno fin troppo frastornato. I luoghi comuni tuttavia hanno ancora conservato una loro funzione, che è quella di richiamare le ovvietà che sottendono.

Non possiamo perciò dirci troppo meravigliati quando apprendiamo che in una lettera aperta sul suo sito Microsoft ha accusato IBM di incoraggiare ipocritamente il formato libero dopo aver domandato a lungo e insistentemente di aprire i formati proprietari.

Impedire a OOXML di diventare uno standard esprimendo parere sfavorevole in sede di esame ECMA, in attesa delle deliberazioni dell'ISO (che per altro ha già riconosciuto lo standard ODF) secondo la Casa di Redmond, "avrebbe ripercussioni negative sui clienti e su tutta l'industria".

Di chi, Microsoft non lo chiarisce; forse perché nessuno ne sente il bisogno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Microsoft non puo' smettere di fare la 'prepotente' Leggi tutto
18-2-2007 17:25

{mikki}
I pulpiti e le prediche Leggi tutto
18-2-2007 00:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3485 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics