YouTube sì, YouTube no

Dopo i litigi con Viacom e la concorrente MySpace a proposito della protezione dei diritti di autore, uno Stato australiano vieta in tutte le scuole l'accesso al popolare sito di video sharing.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-03-2007]

Lo Stato di Vittoria in Australia ha deciso di vietare l'accesso al sito di YouTube in tutte le scuole pubbliche dopo la condivisione di un videoclip relativo all'aggressione di una diciassettenne in periferia a Melbourne.

Ovviamente, alla notizia della restrizione hanno fatto seguito molte polemiche, in un senso o nell'altro. Da una parte si critica la semplicità con cui si possono mettere in onda brevi filmati anche realizzati con cellulari, dall'altra si osserva che il bullismo è ormai un fatto di costume e non verrà certo eliminato nascondendone le tracce e facendo finta che non esista; tanto più che i filmati irraggiungibili in ambito scolastico possono comunque essere visionati dal computer domestico.

Intanto giunge notizia di un accordo stipulato con la BBC, che prevede la messa in condivisione di ben tre canali distinti, di cui uno d'informazione e due di svago, uno dei quali esente da pubblicità. Il fine sarebbe di indirizzare sul sito della BBC una parte dei settanta milioni di naviganti che mensilmente visitano YouTube.

Frattanto quest'ultimo non si fa mancar nulla, avendo di recente eletto a furor di popolo una sua propria starlet, al secolo tale Melissa Theuriau, francese di nazionalità ed ex-presentatrice di LCI.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Poche scuse, se sei "quella" Loska, la responsabilita' e' solo vostra! Leggi tutto
12-3-2007 15:52

{Loska}
Mah Leggi tutto
12-3-2007 10:44

{MaXXX}
scusate la semplicità............ Leggi tutto
6-3-2007 15:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La televisione in tre dimensioni... (completa la frase)
la nuova frontiera dell'intrattenimento domestico.
inutile e in pi fa male alla vista.
serve solo a vendere nuovi televisori e decoder.

Mostra i risultati (5001 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 ottobre


web metrics