Padoa-Schioppa ha fatto bum

Il Tribunale Amministrativo del Lazio giudica illegittima e non giustificata la cacciata del consigliere Rai Angelo Petroni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-06-2007]

fireworks

Come previsto, il TAR del Lazio ha dato torto al Ministro dell'Economia in merito alla defenestrazione del consigliere Angelo Petroni inviso alla maggioranza di governo.

Il merito della sentenza lo leggeremo poi, ma l'importante è che l'impugnativa sia stata accolta in quanto presentava decisamente il necessario "fumus boni juris".

Che i motivi addotti fossero speciosi e le conclusioni tirate per i capelli, lo si era capito subito; dalle interviste ma soprattutto dalla penosa udizione del ministro in Commissione Vigilanza, costretto a spegare l'inspiegabile e cioè che il consigliere Rai era stato dimissionato per motivi che nulla avevano a vedere con detti e fatti a lui imputabili e che -secondo Padoa Schioppa- avrebbero determinato l'incompatibilità della sua posizione rispetto a quella degli altri consiglieri.

L'ordinanza che ha bloccato il gioco -in verità fin troppo scoperto- recita espressamente che l'allontanamento trae origine da motivi palesemente extragiuridici e che è stato adottato in assoluta mancanza di elementi giustificativi; il che, tradotto in linguaggio comune, significa che abbiamo assistito all'ennesima prepotenza di Stato non basata sul diritto né su altri elementi di valutazione.

La prova dell'inciucio sarebbe addiruttura depositata agli atti della Commissione di Vigilanza, avendo affermato il rappresentante del Tesoro in quota Rai che -se ne avesse avuta la possibilità- avrebbe sostituito l'intero CDA; e non sarebbe pretender troppo dalla logica che l'assunto fosse terminato con un chiaro "di assoluto gradimento mio e del Governo che rappresento".

Mera spocchia politica quindi, mirata all'occupazione di poltrone, seggiole e panche; vedremo prossimamente se nel gioco dei quattro cantoni saranno movimentati anche gli sgabelli.

Ma è certo che, dopo l'altrettanto penoso spettacolo del Ministro che -per difendere gli ordini ricevuti in sede di Consiglio dei Ministri- se la piglia con un militare al sommo della gerarchia accusandolo di tale indisciplina da rasentare la deriva golpista, c'è poco da sperare sull'indipendenza dell'informazione alla luce di quel che capita a quelli che d'informazione si occupano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Su, coraggio. Non ci lasci in ansia con i suoi dubbi. Vada pure: ha la nostra benedizione. Leggi tutto
11-6-2007 10:30

Tommaso Padoa-Schioppa ha sfiduciato il consigliere Petroni in modo plateale con il preciso intento di portare alla ribalta la catastrofica situazione in cui è precipitata da tempo la RAI. L'attuale Consiglio di Amministrazione venne eletto a suo tempo dalla CdL (guarda caso) ed è ancora in carica nonostante Berlusconi e compagnia... Leggi tutto
10-6-2007 00:46

.Adelfio Longo.
Padoa-Schioppa ha fatto bum Leggi tutto
9-6-2007 01:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (698 voti)
Ottobre 2019
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
Tutti gli Arretrati


web metrics