Disabili due volte

Casse vuote degli enti pubblici, cattiva sanità e sospetto di speculazione frenano l'accesso all'internet da parte dei portatori di handicap. Il caso di Fabio Pavone, che necessita di un particolare mouse dal costo di tremila euro, conquista la rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2007]

Christopher Reeve

La polemica si insinua strisciante, attraverso i blog, i siti specialistici e le deprecate catene di S. Antonio via email. Fabio Pavone, 28 anni, affetto da distrofia muscolare e per questo costretto a letto da 11 anni, per potersi connettere a internet ha bisogno di un mouse speciale, che costa tremila euro, e li deve sborsare di tasca propria.

Tutto nasce da una sua lettera aperta, indirizzata alla regione e al comune di residenza, pubblicata sul sito di Metro Olografix, con la quale Fabio lamenta i costi elevati e la mancata assistenza della sanità pubblica.

Metro Olografix è una quotata associazione di smanettoni, che non si occupa solo di organizzare meeting hacker: in questi anni ha permesso a Fabio di affacciarsi al mondo della rete, dandogli la possibilità di espressione che non ha avuto nel sistema di relazioni convenzionale.

Il suo caso ha fatto il giro dell'internet, grazie a un capillare sistema di comunicazione orizzontale, e ha raggiunto qualche politico, che ha amplificato la campagna informativa (talvolta strumentalmente, ma per il momento va bene anche così), e qualche istituzione, che si è affrettata a comunicare che il rimborso in questi casi è previsto, basta attivare la procedura XY barra Z, di cui alla legge eccetera eccetera.

Parole al vento: se anche si riuscisse a compensare la famiglia di Fabio per la spesa, è evidente che, in futuro, chi non avrà la sua caparbietà e l'appoggio di una rete di hacker, dovrà pagare o essere escluso dal sistema.

Mala tempora currunt. Viviamo in una società dove si vendono computer come fossero noccioline, incuranti del loro devastante impatto ambientale ma che non riesce a provvedere alle necessità di chi rimane indietro. Le casse vuote di stato e regioni hanno reso difficoltose e lente le normali pratiche di assistenza sanitaria, in più cresce il sospetto di sciacallaggio tecnologico.

Il costo delle macchine informatiche, lo sappiamo, è dovuto per lo più alle gigantesche economie di scala. Per questo è plausibile che per un puntatore particolare, realizzato in poche unità, i costi di progettazione e di ricerca incidano selvaggiamente.

L'azienda che fornisce il mouse di Fabio rifiuta categoricamente i sospetti di sciacallaggio: "Non ci stiamo a essere accusati di speculare sulla disabilità", scrive l'amministratore. "Noi facciamo il nostro lavoro onestamente rispettando le buone regole del commercio. Molti di noi hanno motivazioni un po' più alte del semplice arricchirsi, anche familiari disabili gravi."

Ci auguriamo sia vero, ma l'esperienza in altri settori è desolante. "Ho smesso da qualche anno di occuparmi di allestimenti per disabili, perché sono rimasto schifato" sostiene M., meccanico auto. "I portatori di handicap pagano un prezzo maggiorato, in media del 20%".

"Alcuni apparecchi hanno mercato anche per l'utenza non disabile, perché semplificano la vita di chi guida parecchie ore al giorno," spiega la nostra gola profonda. "Per incentivare queste categorie (tassisti, rappresentanti), le aziende offrono consistenti sconti rispetto all'utenza disabile, che invece non può fare a meno di questi ausili." Risultato: anche al netto delle agevolazioni IVA, i portatori di handicap pagano un prezzo maggiore.

Ecco come le società civili trattano i propri figli meno fortunati: cornuti e mazziati, ovvero disabili due volte.

(Articolo modificato parzialmente dalla sua stesura originale)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

{marialuisa}
quando il disabile è audioleso Leggi tutto
14-6-2007 05:31

Disabili due volte Leggi tutto
12-6-2007 22:49

tecnologie e disabilità Leggi tutto
12-6-2007 22:18

Disabili due volte Leggi tutto
12-6-2007 19:06

{Luigi Galuzzi}
E' VERO!!! QUANTo E' TUTTO VERO Leggi tutto
12-6-2007 18:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1593 voti)
Aprile 2019
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
Tutti gli Arretrati


web metrics