Elitel è stata commissariata

Il Governo ha accettato il commissariamento di Elitel. Adesso si chiede a Telecom il congelamento del debito e si cerca di salvare i posti di lavoro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-07-2007]

Ormai è ufficiale: Elitel ha chiesto il commissariamento dell'azienda e il governo Prodi ha accettato. E' il tentativo normale, previsto dalla legislazione, di salvare un'azienda che rischia di essee travolta da una situazione finanziaria precaria e malata, riconoscendo che però dal punto di vista industriale e di mercato l'azienda è sana e ci sono le premesse per una continuità e ripresa dell'attività.

Questo è il primo caso in cui il commissariamento non si applica a un'industria manifatturiera, tipo Parmalat per intenderci, ma a un'azienda commerciale di grandi dimensioni, perché tale era Elitel, cioè un grande reseller di traffico e Adsl (forniti da Telecom Italia, non disponendo Elitel di una rete propria).

All'origine del blackout che ha colpito circa quattrocentomila clienti Elitel c'è la decisione di Telecom di non transigere più sull'ingente stock di debiti accumulati da Elitel: più di un centinaio di milioni di euro.

Il governo richiederà, come prima misura di accompagnamento del commissariamento di chiedere a Telecom Italia di ripristinare i collegamenti fonia e Adsl dei clienti Elite, una decisione a cui l'ex monopolista potrebbe anche non sottostare.

Il governo dovrebbe, invece, chiedere ufficialmente a Telecom di rilevare Elitel, incorporandola e rilevando clienti ma, soprattutto, i suoi 150 dipendenti che rischiano il posto di lavoro.

Una scelta del genere non dovrebbe trovare ostacoli nell'Antitrust perché non sarà una quota così marginale, rispetto ai volumi di traffico già attualmente gestiti da Telecom; potrebbe portare a Telecom nuove risorse umane, qualificate professionalmente e giovani e, in questo momento, la rete di assistenza tecnica di Telecom per l'Adsl è troppo sottodimensionata rispetto alle esigenze della clientela, per cui ritardi e disserivizi sono all'ordine del giorno.

Gli utenti Elitel si vedrebbero garantito il servizio e potrebbero successivamente scegliersi (qualora lo desiderassero) un altro gestore, diverso da Telecom, come consente loro di fare senza problemi il decreto Bersani.

Già in passato Telecom ha rilevato società telefoniche sull'orlo del fallimento: per esempio la Video On Line di Grauso in Sardegna, il primo Internet provider italiano, che aveva accumulato nei primi anni '90 venti miliardi di vecchie lire di debito con Telecom e non li poteva pagare; oppure ricordiamo il caso del gestore telefonico mobile Blu che, invece di fallire, cedette gran parte dei suoi call center e dei suoi dipendenti a Tim, mentre i clienti vennero rilevati da Wind.

Al momento sembra questa l'unica, naturale soluzione finale della vicenda Elitel, in cui il governo Prodi dovrebbe mettere Telecom di fronte alle proprie responsabilità di operatore per ora dominante e, spesso, arrogante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

{Crusaneta}
Si ora vengono le soluzioni! Leggi tutto
17-7-2007 12:13

{utente anonimo}
Costo salvataggio elitel Leggi tutto
14-7-2007 09:16

Lettera aperta dell'amministratore delegato Leggi tutto
12-7-2007 00:20

News dal fronte... Leggi tutto
11-7-2007 20:39

{Martini}
Quattrocentomila clienti ??? Leggi tutto
11-7-2007 20:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1417 voti)
Dicembre 2022
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 dicembre


web metrics