L'ex portatile da 100 dollari entra in produzione

Tre milioni di pezzi ordinati: le catene di montaggio di One Laptop per Child, l'organizzazione capeggiata da Negroponte, possono dare inizio alla produzione di XO, il portatile destinato alle scuole del terzo mondo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-07-2007]

olpc

One Laptop per Child ha annunciato che il suo portatile umanitario, nome in codice XO, sta per entrare in produzione.

Il portatile sarà fabbricato da Quantum, nelle officine di Shanghai. La catena di montaggio partirà in agosto per il testing, e i primi computer prodotti in serie saranno sui banchi di scuola entro ottobre.

L'organizzazione capeggiata dal guru Nicholas Negroponte, che raggruppa cinque giganti dell'informatica e delle telecomunicazioni, Google, eBay, Red Hat, News Corporation e AMD, con l'appoggio esterno di Intel, da anni fa parlare di sè per il progetto di un laptop destinato all'istruzione dei bimbi del terzo mondo.

Oggi l'oggetto non è più misterioso: si chiama XO, non costa più 100 dollari (72 euro), ma circa 175 dollari, al cambio di oggi 127 euro, per ordini consistenti, escluso Iva e oneri di commercializzazione.

"L'anno prossimo i costi dovrebbero scendere," sostiene Mary Lou Jepsen, direttore tecnico di OLPC. "Il nostro scopo è l'innovazione, per buttare i costi giù e non usare software gonfiato. Il contrario di ciò che l'industria dei Pc fa tradizionalmente".

I costi sono saliti, è vero, ma gli XO promettono di essere dei muli: progettati per resistere in condizioni estreme di temperatura e umidità, ed essere energeticamente indipendenti, o quasi, in ambienti diversi dagli uffici climatizzati di Wall Street.

Lo schermo, che deve essere leggibile alla luce del sole, può rimanere sull'immagine mentre la scheda madre si spegne, per poter risparmiare energia. La batteria può essere ricaricata a corda, a manovella, a pedale, con una batteria di automobile, o con pannelli solari. Insomma, "con qualunque attrezzo riesca a generare una differenza di potenziale tra i 10 e i 20 volt", sempre secondo la Jepsen.

Qualche problema turba ancora i sonni degli uomini e le donne di Negroponte. Il software, per esempio, ha ancora qualche bacherozzo, ma la Jepsen è sicura che saranno risolti a breve. Dal punto di vista strategico, inoltre, non è ancora chiaro il ruolo del neo alleato Intel. AMD continuerà a equipaggiare la motherboard dell'XO, ma la casa di Santa Clara produrrà processori per alcune linee complementari.

L'affare non si ferma alla produzione e alla distribuzione dei portatili per i governi e le agenzie di beneficienza acquirenti: c'è già chi ha pensato alla produzione commerciale o a quella in concessione: "Abbiamo avuto offerte da alcuni dei maggiori fabbricanti di elettronica", dice la Jepsen.

Proprio nelle parole del direttore tecnico c'è tutta la portata rivoluzionaria e tutta la contraddizione di OLPC. Da un lato c'è l'orgoglio di essere il primo progetto in grado di sparigliare le carte in mezzo a caimani tipo Microsoft ("Giù i costi e niente software gonfiato: il contrario di quello che fanno gli altri").

Dall'altro lato, invece, è difficile nascondere il tremendo imbarazzo di chi si prepara a fare soldi sfruttando la propria condizione a metà tra il business e la beneficienza. OLPC si appresta a raggiungere la massa critica per la produzione grazie a progetti di cooperazione internazionale,e poi invaderà il mercato tradizionale fighetto con le eccedenze.

Per ora OLPC si concentra sulla produzione istituzionale, per fronteggiare gli attuali ordini di tre milioni di macchine (non si sa da quali paesi), che giustificano oggi la produzione di massa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1616 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics