Adobe: il futuro è nel web

Tra dieci anni Photoshop e fratelli saranno disponibili solo online.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-10-2007]

Foto di Rodolfo Clix

La stagione dei desktop è vicina alla fine: entro pochi anni inizierà l'era delle applicazioni come servizio, distribuite via rete.

In sintesi è questa la visione di Bruce Chizen, amministratore delegato di Adobe, illustrata al Web 2.0 Summit di San Francisco.

Parlando del futuro dei prodotti della propria società, Chizen prevede che in una decina di anni l'uso di applicazioni via web sarà diventato comune. Per adesso, invece, è ancora presto: "Il desktop è una macchina davvero potente in cui far girare le applicazioni. La banda larga ha ancora alcune limitazioni sul breve periodo".

Già ora, tuttavia, Adobe ha lanciato versioni ridotte di alcuni dei suoi prodotti, quali Photoshop Express per l'editing fotografico e Premiere Express per il video editing, pensate per l'uso online.

L'obiettivo finale sarà ridurre fino a elimiare la vendita di software in scatola a tutto vantaggio dell'utilizzo via web. Centro di questa nuova politica saranno gli utenti professionali i quali, per poter usare le applicazioni per loro fondamentali, saranno disposti a pagare un canone di abbonamento piuttosto che usarne una versione finanziata dalla pubblicità.

Bisognerà vedere quanto i professionisti decideranno di potersi fidare di qualcosa che dipenderà non più solo dal funzionamento della propria macchina, ma anche da quello della connessione a Internet e dei server di chi fornirà loro le applicazioni.

D'altro canto, un altro fine non dichiarato della distribuzione di applicazioni unicamente online potrebbe essere mettere in difficoltà i pirati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{MaXXX}
Che cavolata..... allora i posti che non hanno adsl!? dubito che con un modem isdn o peggio 56k si possa elaborare in comodità un file tif di 20mb........ inoltre se cè un problema sulla linea? un professionista non lavora.... non per ultimo se ho una licenza nel pc di casa e non ho proprio internet? raro ma succede...... Leggi tutto
27-10-2007 21:02

Come utilizzatore professionale di programmi di grafica ritengo che il passaggio online dei prodotti di fascia alta possa generare una corsa al riarmo da parte dell'Open Source, tutto a vantaggio degli utilizzatori che non possono investire un capitale per lavorare con programmi di qualità. Io ad esempio lavoro con programmi con licenza,... Leggi tutto
25-10-2007 11:06

Alle parole non possono seguire i fatti, proprio perché esistono delle rigorose normative in tutti i paesi del mondo. Come programmatore, invece, sono anch'io che decido, influenzando le scelte di chi sviluppa gli IDE. Perché se un IDE non è comodo, non ho difficoltà a passare a un'alternativa che mi soddisfa meglio, e questo chi... Leggi tutto
24-10-2007 10:12

Bah.... Leggi tutto
24-10-2007 09:56

Te lo dice la legge: Adobe rischierebbe grosso. ;) Comunque come programmatore penso di poter stare tranquillo: gli ambiente di sviluppo "desktop" esisteranno sempre. Troppo comodi per abbandonarli per soluzioni online.
24-10-2007 09:31

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1587 voti)
Ottobre 2019
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Tutti gli Arretrati


web metrics