Facebook toglie la pubblicità che viola la privacy

Il sistema di advetrising Beacon violava così palesemente la privacy degli utenti di Facebook che il fondatore ha dovuto scusarsi di persona e toglierlo dalla circolazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-12-2007]

Foto di Feng Yu

Facebook, relativamente giovane e famoso social network, si trova in serio imbarazzo a causa del nuovo sistema di advertising adottato, Beacon.

Questo sistema, ora disattivato, consentiva di vedere tra i feed il comportamento dei propri amici, dallo status agli acquisti sui siti partner.

Tale comportamento era stato criticato fin dall'inizio per l'invasione della privacy cui evidentemente esponeva, facendo sì che una petizione contro Beacon raccogliesse facilmente la bellezza di 50.000 firme.

Le cose, però, erano anche peggiori: alla Computer Associates hanno poi scoperto che il tracciamento delle attività degli utenti fatto da Beacon era ancor più profondo. Ogni operazione veniva registrata anche se non loggati su Facebook o se si era scelto di non aderire a Beacon.

L'ira degli utenti del social network, a questo punto, è diventata incontenibile, tanto da convincere il fondatore e Ceo Mark Zuckerberg a intervenire di persona e a sospendere il servizio: "Abbiamo semplicemente fatto un cattivo lavoro, e me ne scuso. Abbiamo fatto molti errori creando questa feature, ma ne abbiamo fatti ancora di più per come abbiamo trattato la questione".

"Invece di agire rapidamente, abbiamo impiegato troppo tempo a decidere per la soluzione giusta. Non sono orgoglioso del modo in cui abbiamo gestito la situazione e so che possiamo fare meglio. La gente deve poter scegliere esplicitamente che cosa condividere e poter spegnere Beacon completamente se non vogliono usarlo".

A questo punto, con il servizio disabilitato, la domanda che molti si pongono riguarda il destino che attende i dati raccolti da Facebook finora e registrati nei log: verranno cancellati anch'essi?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (870 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 dicembre


web metrics