L'ombra di Microsoft incombe sul progetto One Laptop Per Child

Il colosso di Redmond tenta di allungare le mani su OLPC studiando un'implementazione ridotta di XP Starter Edition.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-12-2007]

olpc

Fortunatamente, almeno per ora sembra un po' la storia -debitamente aggiornata- del cammello che non può passare attraverso la cruna di un ago; ma pare proprio che gli eredi di Zio Bill si stiano attrezzando anche per i miracoli, complice l'inarrestabile progresso tecnologico e la resa incondizionata di Negroponte davanti allo strapotere del business nei confronti dell'innovazione.

Anzi occorrerebbe forse ringraziare il cielo che Microsoft abbia deciso di accodarsi piuttosto che strozzare il progetto nella culla anche a costo di comprarsi in blocco Negroponte con tutto il MIT; e la storia della tecnologia non è avara di esempi: uno per tutti, la guerra di AT&T e RCA contro Edwin Armstrong, inventore della modulazione di frequenza (FM) che infine morì suicida e completamente rovinato dal punto di vista economico.

Se Negroponte si dimostra entusiasta, almeno a parole, meno favorevoli sembrano alcuni dei suoi collaboratori; infatti uno dei redattori del sito OLPC News, Wayan Vota, sostiene di essere ossessionato dall'aperura di Microsoft, che vede come un vero e proprio incubo.

"Il progetto XO" sostiene infatti Vota "è un sistema operativo nuovo, utile all'apprendimento per dei bambini, mentre XP è nato come strumento di lavoro e non corrisponde affatto alle loro esigenze"; altre voci, forse più realisticamente, giudicano positivamente l'interesse di Microsoft che dimostrerebbe la validità del progetto e preparerebbe un futuro mercato alla versione "normale" di XP rivolta agli studenti delle scuole superiori e delle università.

Ovviamente tutti i casi di "carità pelosa" dovrebbero generare almeno un poco di sano scetticismo circa i motivi finali che animano le apparenti buone intenzioni; e l'esempio del latte in polvere inizialmente regalato alle mamme del terzo mondo ne dovrebbe costituire un ennesimo concreto motivo.

Pare tuttavia che il pericolo non sia poi così immediato, in quanto le modifiche nel software procedono con lentezza, vuoi per un'asserita scarsità delle macchine messe a disposizione degli sviluppatori vuoi per l'intrinseca ristrettezza della cruna di cui si diceva prima.

Perciò pare che Microsoft stia tentando di convincere i produttori della mainboard a modificare il BIOS e prevedere un alloggiamento per schedina Secure Digital da 2 Gbyte, visto che il progetto non contempla hard disk ma soltanto 1 Gbyte di memoria a disposizione dei programmi, mentre oggi come oggi a Windows servirebbero 2 Gbyte per "girare"; e se non dovesse essere contentata dal MIT, probabilmente lo sarà da Asus in un futuro che è appena dietro l'angolo.

Anche perché pare che un microsistema marchiato Microsoft e completamente funzionante potrebbe essere presentato già prima delle prossime vacanze estive. Tanto a pagare il conto saranno sempre e soltanto gli utilizzatori finali, come per il latte e le trasmissioni radio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

{frik}
Abbiamo forse dimenticato la cosa più importante! Leggi tutto
15-12-2007 17:09

Non pretendo di intendermene molto, ma sul sito che hai linkato risulta che il progetto è ancora allo stadio propositivo, cioè delle intenzioni circa i futuri aggiustamenti, Inoltre in tutte le traduzioni della pagina lo slot Secure Digital sembra proposto come alternativa a quello per alloggiare espansioni multimediali. A parte ciò,... Leggi tutto
14-12-2007 21:07

Si parlava di quanto spazio disponibile dovesse aggiungersi per far posto a Windows. (oh anche qui subito a pompare l'hardware, eh! :D ) Sarebbe un controsenso però, secondo me, si andrebbe a snaturare il concetto minimalista del progetto, atto a veicolare mezzi di apprendimento, più che marchi commerciali. Non mi pare che Microsoft in... Leggi tutto
13-12-2007 22:19

{carlo}
olpcNews è un blog indipendente e Wayan Vota non è un collaboratore di OLPC né di Negroponte, di cui peraltro é sovente critico feroce. Inoltre mi risulta che lo slot SD sia già presente sui sistemi in produzione (rif. http://wiki.laptop.org/go/Hardware_specification#External_connectors) Non ho invece informazioni specifiche in merito al... Leggi tutto
12-12-2007 21:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I provider che filtrano il peer to peer
consentono a tutti gli utenti di usufruire della banda larga
ledono i diritti degli utenti che hanno acquistato un abbonamento a banda piena

Mostra i risultati (6003 voti)
Ottobre 2019
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Tutti gli Arretrati


web metrics