Microsoft chiede scusa a Corel per il SP di Office

Tra i formati bloccati perché insicuri dall'ultimo Service Pack per Office 2003 c'è anche quello usato da Corel, che però non è d'accordo. Microsoft le dà ragione e chiede scusa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-01-2008]

Recentemente ha fatto parlare di sé una modifica inizialmente non pubblicizzata e scoperta nel Service Pack 3 di Office 2003, rilasciato a settembre dell'anno scorso.

Con il rilascio dell'ultimo set di aggiornamenti, infatti, Microsoft ha deciso di disabilitare il supporto ad alcuni vecchi formati di file, sostenendo che essi comportavano un rischio per la sicurezza. I formati condannati all'oblio sono elencati in una pagina della Knowledge Base.

In quella stessa pagina si legge: "Questi tipi di file sono bloccati perché il codice che Office 2003 usa per aprire e salvare questi tipi di file è meno sicuro".

Questa versione sostituisce la precedente, che diceva: "questi formati di file sono bloccati perché sono meno sicuri"; ciò implicava quindi che la debolezza era intrinseca al formato.

La sostituzione è dovuta alle proteste elevate da Corel quando si è accorta che tra i formati bloccati rientrava anche il proprio .cdr, usato tuttora da Corel Draw.

Colta in flagrante, Microsoft ha fatto marcia indietro per bocca di David LeBlanc, sviluppatore di Microsoft Office, che ha chiarito la situazione: "Abbiamo affermato che erano i formati dei file a essere insicuri, ma in realtà non è corretto. Un formato di file non è insicuro - è il codice che legge il formato che è più o meno sicuro".

LeBlanc porge anche le scuse di Redmond alle società terze coinvolte nella "svista": "Alcuni dei formati bloccati vengono da prodotti creati da aziende diverse da Microsoft, e ci scusiamo per aver sottinteso che ci fossero dei problemi nei formati di queste aziende".

Corel non è nominata direttamente, ma il messaggio è chiaro: scusate, facciamo ammenda, amici come prima.

In vena di correzioni, LeBlanc spiega anche che si sono accorti di non essere stati esattamente trasparenti nella rimozione silenziosa del supporto ad alcuni file; inoltre, il metodo proposto originariamente - che coinvolgeva modifiche manuali al registro - non era proprio "user friendly".

Perciò, la revisionata pagina della Knowledge Base già citata presenta anche quattro link ad altrettanti file contenenti le modifiche al registro necessarie per riabilitare i formati bloccati di Word, Excel, PowerPoint e, naturalmente, CorelDraw.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (5318 voti)
Novembre 2019
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Tutti gli Arretrati


web metrics