Flash supporterà il Drm

Il formato video reso celebre da YouTube presto integrerà la protezione dei diritti digitali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-02-2008]

Flash e DRM

Come fa notare la Electronic Frontier Foundation, era solo questione di tempo prima che gli interessi dei detentori dei diritti d'autore si puntassero sul formato Flash Video di Adobe.

Diventato uno standard de facto per il video grazie al successo planetario di YouTube, finora non aveva integrato nessuna protezione. Ora lo spettro del Drm aleggia anche su Flash.

Adobe implementerà la gestione dei diritti digitali nella versione 9 del Flash Player e nella versione 3 del Flash Media Server: a quel punto, invece di un normale download, i due programmi comunicheranno attraverso un protocollo proprietario e criptato.

Questo segnerà forse la fine del software non prodotto da Adobe (si pensi, per esempio, ai player open source come Gnash), che non sarà compatibile, e probabilmente non servirà comunque a fermare la pirateria, che non si è mai fatta fermare dal Drm. Nascerà invece una nuova arma legale, almeno negli Usa, dove il Digital Millennium Copyright Act vieta l'uso di software che scardinino le protezioni.

D'altra parte si può notare che Adobe, se vuole difendere la diffusione del proprio formato, deve implementare il Drm. Mentre Microsoft, infatti, sta integrando la protezione del copyright all'interno di Silverlight, che usa il formato Windows Media Video 9, l'azienda di San José non può stare a guardare, oppure l'interesse di quanti premono per l'adozione del Drm si concentrerebbe su Redmond.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google mette un altro chiodo sulla bara di Adobe Flash

Commenti all'articolo (1)

fantastico...ancora una volta non cambierà nulla per la pirateria e ancora una volta ci perderanno gli utenti... e se sarà incompatibile con gnash noi di linux ci attaccheremo al tram...oppure troveranno una nuova variante... a me sembra solo un cane che si morde la coda, dopo fate voi..
25-2-2008 10:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3480 voti)
Febbraio 2020
Il primo smartphone con Windows 10
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics