Ue, terza supermulta per Microsoft

La Commissione Europea, seccata per essere stata finora ignorata da Microsoft, le commina un'altra multa di 900 milioni di euro.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-02-2008]

L'unione Europea multa Microsoft per 900 milioni

Le rassicurazioni di Microsoft non hanno sortito alcun effetto sulla Commissione Europea, che ha deciso di continuare per la propria strada senza fidarsi delle promesse e di multare nuovamente l'azienda di Redmond per una somma di 899 milioni di euro, pari a 1,35 miliardi di dollari.

La motivazione è sempre la stessa da quattro anni, ossia la violazione delle norme antitrust, aggravata però dalla decisione di Microsoft di ignorare le sanzioni successive alla condanna originaria.

"Microsoft è stata la prima azienda in cinquant'anni di sorveglianza della Ue sulla concorrenza a dover essere multata dalla Commissione per non aver rispettato le decisioni antitrust", ha dichiarato il Commissario per la Concorrenza Neelie Kroes.

Dal canto suo, Microsoft ritiene che l'accusa di aver ignorato le imposizioni dell'Unione Europea non sia del tutto giustificata: "Stiamo analizzando l'azione della Commissione", fanno sapere. In effetti nell'ottobre del 2007 l'azienda aveva annunciato di aver rispettato la decisione del 2004: la multa attuale, insomma, riguarderebbe eventi passati e già risolti.

Nel 2004 la Commissione aveva infatti sentenziato che Microsoft ostacolava i propri concorrenti non fornendo le informazioni necessarie all'interoperabilità per i work group server; Microsoft aveva quindi deciso di rendere disponibili tali informazioni, ma solo dietro il pagamento di royalty esorbitanti, pratica ritenuta "irragionevole" da Bruxelles.

Per questo motivo l'Europa aveva comminato una prima multa di 497 milioni di euro, seguita da una seconda - di 280,5 milioni di euro - nel luglio 2006. Questa terza ammenda copre l'ultimo periodo, fino all'ottobre del 2007.

Sommando le multe accumulate da Microsoft finora, si ottiene la sbalorditiva cifra di 1,68 miliardi di euro. L'azienda, tuttavia, non pare troppo preoccupata: "Come abbiamo dimostrato settimana scorsa con i nostri nuovi principi e specificazioni sull'interoperabilità, la compagnia ha promesso pubblicamente di pubblicare le informazioni fondamentali, cosicché i programmi rivali lavorino meglio con Windows".

La Commissione Europea, infine, si augura per bocca di Neelie Kroes che quest'ultimo atto faccia definitivamente calare il sipario sull'intera faccenda: "Spero che la decisione di oggi chiuda un capitolo oscuro nel record di Microsoft nel non-rispetto della decisione della Commissione del marzo 2004".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
UE, nuova maximulta a Microsoft

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

A parte il fatto che Microsoft dall'XP compreso in avanti ci sta venedendo i suoi sistemi antipirateria, fondamentalmente... A parte questo mi viene in mente un'altra domanda: E se un giorno qualcun'altro si svegliasse e chiedesse a Microsoft i danni per i dati persi a causa dei suoi sistemi bacati? E' vero che nessuno ha mai dato... Leggi tutto
28-2-2008 18:10

Ecco, questa un'ottima domanda, che anche quella del dottore, all'inizio del thread. Sarebbe interessante sapere che fine faranno... Perch poi la Commissione Europea fa le sue belle stranezze, tipo Windows Xp Edition N...z Leggi tutto
28-2-2008 14:25

multa a M$ Leggi tutto
28-2-2008 11:39

Utilita' delle specifiche rilasciate Leggi tutto
28-2-2008 10:11

{Luigi}
Beh è alquanto interessante notare che i principi costituzionali generalmente accettati fin da dopo la rivoluzione francese (uguaglianza difronte la legge) non si applicano a Microsoft che in questo modo fa una contro rivoluzione
28-2-2008 09:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il tuo linguaggio di programmazione preferito, tra questi?
PHP
Java
C#
VB.Net

Mostra i risultati (1216 voti)
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Tutti gli Arretrati


web metrics