Addio, Arthur Clarke

Ci ha lasciati uno dei colossi della divulgazione scientifica e della fantascienza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-03-2008]

arthur

Uno dei colossi della divulgazione scientifica e della fantascienza ci ha lasciati a novant'anni.

Sir Arthur C. Clarke, coautore del film 2001: Odissea nello spazio, principale promotore dell'idea dei satelliti geostazionari per telecomunicazione e grande scrittore di narrativa scientifica, è morto ieri in Sri Lanka, dove risiedeva dalla fine degli anni Cinquanta. La notizia è riportata dalla BBC.

E' impossibile descrivere l'influsso che le sue opere hanno avuto su tanti ricercatori scientifici, piloti e astronauti (e, nel mio piccolo, anche su di me). Sono davvero poche le persone che con le loro opere letterarie e cinematografiche sanno coniugare il rigore scientifico con l'entusiasmo e la passione e ispirare gli altri a non dire mai "non si può fare". La Wikipedia lo ricorda qui in italiano; qui trovate la traduzione italiana del suo video di commiato, registrato a dicembre 2007.

Ci mancherà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{RobertoO}
Mi ricordo la prima del film odissea 2001 Leggi tutto
1-4-2008 14:02

Indimenticabile Leggi tutto
1-4-2008 01:00

R.I.P. bambino delle stelle.... e grazie per avermi insegnato a sognare!
23-3-2008 00:23

Addio, e grazie per avermi fatto sognare :cry:
20-3-2008 21:11

Addio Ser... Leggi tutto
20-3-2008 17:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2146 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics