Tutti vogliono le nostre impronte

Scotland Yard vuole schedare i bambini irrequieti, gli Usa tutti i passeggeri in volo. E anche per entrare a Disney World c'è un riconoscimento biometrico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-03-2008]

Scotland Yard vuole le impronte dei bambini

La mania di raccogliere le impronte digitali, come mezzo per prevenire e reprimere i crimini, sta contagiando un po' tutti, a giudicare dalle notizie che si vanno assommando in questo periodo.

Il premio per la miglior opera di prevenzione va però al direttore della scientifica di Scotland Yard, Gar Pugh, che ha ideato un sistema rapido per individuare i criminali: identificarli fin da piccoli.

La proposta è semplice: prendere le impronte digitali a quei bambini (fin dai cinque anni) che mostrino comportamenti sospetti. Ovvero comportamenti che possano far pensare ai loro insegnati ed educatori che da grandi diventino dei criminali.

"Se abbiamo un sistema primario per identificare le persone prima che commettano crimini, allora i benefici a lungo termine dell'individuazione dei più giovani sono estremamente grandi", ha detto Pugh.

È Pugh stesso ad ammettere che la sua proposta ha sollevato una gran quantità di obiezioni, sia da parte dei genitori, sia da parte degli insegnanti, che diverrebbero una sorta di sorveglianti deputati a prevedere il cammino dei loro alunni.

Se un insegnante può immaginare grazie all'esperienza quale sarà il futuro dei propri ragazzi, il loro lavoro è supportarli, non schedarli, dice Chris Davis, della National Primary Headtechers' Association

Il Regno Unito già possiede il più vasto database biometrico in Europa, che conta 4,5 milioni di campioni genetici; la polizia, però, ritiene che servano molti più campioni per ridurre il crimine.

"Il numero dei crimini insoluti ci dice che non abbiamo abbastanza campioni della gente giusta", sostiene Pugh. E ricorda che non viene raccolto il Dna di tutti solo per questioni di costo e di logistica, ma secondo lui sarebbe la cosa migliore.

Intanto, in America il Dipartimento di Sicurezza Interna ha sciolto un dubbio e fatto sì che si sollevasse una protesta.

Secondo le leggi vigenti è obbligatorio raccogliere le impronte dei 33 milioni di stranieri che ogni anno entrano negli Stati Uniti, ma nessuno ha specificato chi debba svolgere il lavoro sporco; il Dipartimento (che se ne è occupato finora) ha deciso che dovranno farsene carico le compagnie aeree.

La International Air Transport Association ha fatto notare che si tratta di un compito del governo, non dei privati; senza contare che prendere le impronte di tutti (si impiega circa un minuto per ogni persona) significa creare lunghe code e potenzialmente ritardare tutti i voli.

I capi del programma di raccolta delle impronte digitali invece dicono che si tratta di una pratica essenziale, specialmente per coloro che stanno lasciando il Paese, così da monitorarne gli spostamenti e scoprire per tempo eventuali trame terroristiche.

Le compagnie aeree sarebbero dunque le più indicate per questo lavoro, visto che forniscono già al governo le liste dei passeggeri.

Douglas Lavin, della Iata, ribatte: "Se pensate che il processo di viaggio vada male già adesso, vedrete in futuro" e ha etichettato la proposta come "follia".

Infine, sembra proprio che la mania dell'identificazione abbia contagiato anche il parco di divertimenti Disney Word: ora all'ingresso si può scegliere se farsi riconoscere usando una foto o facendosi prendere la forma della punta di un dito (non l'impronta digitale, ma siamo lì) dai lettori appositi.

Lo scopo di questa pratica è impedire che i visitatori vendano o condividano un singolo biglietto, identificandone univocamente i possessori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

(la newsletter aveva come titolo proprio Panopticon)
20-3-2008 00:37

L'avvicinarsi del "Panopticon" Leggi tutto
19-3-2008 17:26

La cosa più triste è che spesso il bambino "iperattivo" cela in realtà un potenziale che non trova modo di esprimersi. Ma la diversità, si sa, fa paura. Schedare la diversità per poterla controllare: ottimo modo per garantire l'omologazione. :( :( :(
19-3-2008 16:28

come la lista delle bollette .... + W Leggi tutto
19-3-2008 10:54

mi sembra solo uno spreco di tempo e soldi. una volta che raccolgono veramente tutte le impronte di chi entra e chi esce, cosa ottengono? un'enorme archivio che non useranno mai. riguardo ai bambini sospetti.....beh siam messi male ! Ciao
19-3-2008 07:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il client torrent che utilizzi di più?
µTorrent
Vuze
Opera
Transmission
BitTorrent
Ktorrent
Shareaza
Tixati
MediaGet
qBittorrent
Deluge

Mostra i risultati (2767 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics