Un software per riconoscere i fake

L'uso dei programmi di fotoritocco permette la creazione di immagini modificate ad arte e spacciate per vere: al Mit hanno elaborato un programma che permette di identificare i falsi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2008]

Un software per riconoscere i fake

L'uso combinato di Internet e Photoshop fa sì che, di tanto in tanto, vengano prese per buone e spacciate per reali fotografie sapientemente ritoccate. Succede, per esempio, che le agenzie di stampa pubblichino in buona fede notizie scritte a partire da immagini che non ritraggono la realtà, ma che sono state realizzate appositamente da qualcuno.

Per venire incontro all'esigenza di chi vuole scovare le immagini ritoccate, Micah Kimo Johnson, ricercatore del Mit ha sviluppato un software che si basa sulle differenze di luce per rilevare i fake.

Molte immagini fraudolente, infatti, sono costruite combinando due o più fotografie diverse; in questo processo, il particolare più difficile da far combaciare è l'illuminazione, che dunque diventa utilissima per smascherare gli inganni.

Johnson sostiene che un osservatore attento potrebbe rilevare da sé le differenze e quindi scoprire il trucco, ma anche che "le persone sono piuttosto insensibili all'illuminazione". Il programma elaborato al Mit, che comunque richiede un esperto per poter essere usato, permette di risparmiare la fatica del controllo umano, che può essere ingannato.

Certo, nessun software è perfetto. Cynthia Baron, autrice di Photoshop forensics, sa bene che un esperto può ritoccare un'immagine così abilmente da rendere l'inganno pressoché perfetto; tuttavia - dice - la maggior parte delle manipolazioni è grossolana: "Molte delle cose che il software riesce a rilevare, possono essere viste a occhio nudo, ma non vengono notate".

Il programma di Johnson, comunque, è pensato dal suo stesso autore come destinato alle agenzie di stampa, che lo potrebbero usare come se fosse un filtro antispam per non essere ingannati dalla prima fotografia che capiti di vedere.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

quoto in pieno LUIsoloLUI. Ormai il giornalista non verifica pi¨ le proprie fonti, addirittura alcuni tg mandano in onda la "roba" che trovano su YouTube... :shock: Per chi ha un po' di dimestichezza non serve un software apposta, al massimo si applica qualche filtro ("sharpen" di solito) o una correzione colore... Leggi tutto
21-3-2008 16:07

spesso le agenzie di stampa pubblicano qualsiasi notizia solo perchŔ l'ha detta qualche altra agenzia o perchŔ appare plausibile, senza fare alcun controllo. Nemmeno minimo a volte, se Ŕ vero che ogni tanto pubblicano bidoni notevoli. Leggi tutto
21-3-2008 14:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual Ŕ tra questi il motivo pi¨ importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1189 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics